Baseball, Premier 12: Corea campione a sorpresa! USA in alto. Giappone disperato, Messico inaspettato

WBSC_Premier-12_Corea.jpg

Si è conclusa la prima edizione del Premier 12 e dopo la finalissima è tempo di valutazioni per tutte le migliori dodici formazioni del “Batti & Corri” planetario.

Partendo dal fatto che molte squadre non hanno potuto fare leva sui loro migliori giocatori, visto che la MLB non ha dato l’autorizzazione a schierarli in questa kermesse, è giusto dire che il titolo vinto dalla Corea è un po’ la sorpresa della rassegna. Certo, i coreani partivano nel lotto delle outsiders di lusso, ma dopo la prima partita in cui il Giappone aveva strapazzato i “ragazzi di Seoul e dintorni” nessuno si sarebbe aspettato un epilogo come quello avvenuto ieri al Tokyo Dome, dove la finale è stata nettamente dominata dai sudcoreani per 8-0. 

A completare il podio ci hanno pensato poi gli Stati Uniti, che pur con una rosa di secondo/terzo livello sono comunque arrivati a disputare la partita per la gloria, e il Giappone, vera e propria squadra con rimpianti.
E’ inutile negarlo, i nipponici avevano un solo risultato a disposizione: la vittoria. Non averla centrata è stato un dolore sportivo che non si cancellerà per anni dalle menti dei rappresentanti del Sol Levane, ma infondo i professionisti della NPB hanno sbagliato un solo maledetto (ahiloro) inning in sette partite perdendo una semifinale clamorosamente dominata per otto riprese sulle nove complessive.

Da non dimenticare, inoltre, c’è il quarto posto della vera e propria rivelazione di questi quindici giorni di Batti & Corri: il Messico. La selezione Tricolor, dopo aver superato per il rotto della cuffia la fase a gironi, ha mostrato un buon gioco avendo la meglio sul Canada e rimanendo per molto in partita nella semifinale persa poi 6-1 contro Team USA facendo capire, anche ed indirettamente all’Italia, che il numero di testa di serie (12 i messicani e 11 gli azzurri), non conta sempre e comunque nel baseball.

Infine, una valutazione sulle altre formazioni partecipanti. Sicuramente le selezioni caraibiche sono da rivedere con un roster al completo e che può spaventare davvero tutti, vedasi l’ultimo World Baseball Classic. L’Olanda ha confermato di essere la solita compagine di alto rango che può dire sempre e comunque la sua, mentre il Canada è parso molto migliorato e, nonostante sia arrivata un’eliminazione cocente ai quarti di finale, va ricordato che il girone eliminatorio era stato vinto in maniera netta dagli alfieri della Foglia d’Acero.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: WBSC

Lascia un commento

Top