Tennistavolo: l’Italia fatica a stare a galla in Europa. Quando cambierà la situazione?

Tennistavolo-foto-fitet-fb.jpg

C’era una volta l’Italia del tennistavolo con i cinesi naturalizzati e una squadra – anzi due, maschile e femminile – in grado di vincere in Europa e far tremare il mondo. Poi pian piano gli unici obiettivi realistici sono rimasti quelli nel Vecchio Continente e, finita l’epopea di Wenling Tan Monfardini, adesso si fatica per rimanere a galla.

Purtroppo, per i colori azzurri, questo sport è destinato a rimanere nell’anonimato. Almeno nel breve periodo: gli stessi convocati degli Europei 2014, esattamente un anno dopo, non hanno dimostrato praticamente alcun miglioramento. La squadra maschile, retrocessa e decisa a inseguire la promozione, passerà un’altra stagione in Challenge Division avendo perso la gara decisiva con la Slovacchia (1-3). Quella femminile ha chiuso 23esima invece che 25esima, ma la sensazione è che con una quarta avversaria nel girone le cose sarebbero potute andare peggio.

Poche gioie anche dai tornei di singolo e doppio: sorridono soprattutto Niagol Stoyanov e Marco Rech Daldosso, eliminati agli ottavi di finale dai vicecampioni in carica. Il primo, mese dopo mese, si sta guadagnando sul campo il titolo di numero uno della nazionale e solo un leggero infortunio non gli ha permesso di prendere parte anche all’individuale, mentre il secondo è uscito a testa altissima dal suo girone – sfiorando il passaggio del turno – e ha vissuto dieci giorni di continua crescita.

Quella crescita che ancora ci si attende dal Godot Leonardo Mutti, per esempio. Senza frutti. Mentre Mihai Bobocica ha palesato per l’ennesima volta tutti i suoi limiti mentali dimostrando di non essere leader nei momenti chiave degli incontri. Emblematica la rimonta da 2-0 a 2-3 che ha subito nella partita con la Slovacchia che ha indirizzato la contesa per la promozione in Championship verso l’est Europa. Solo delle comparse Alessandro Baciocchi e le quattro donne convocate, tra cui la 18enne Giorgia Piccolin rappresenta un barlume di speranza in ottica futura.

Da sola, però, potrà fare poco o nulla. Per questo la Fitet si è già attivata, insieme al Coni, per permettere ad altri dieci giovanissimi di vivere, studiare, crescere e soprattutto allenarsi insieme nel centro di preparazione olimpica di Formia. Il progetto è rivolto a Tokyo 2020, impossibile pensare di cambiare la situazione da un momento all’altro. Rio 2016 (a patto che qualcuno riesca a qualificarsi) sarà poco più di un viaggio premio. Per vedere i primi risultati prego ripassare (si spera) tra cinque anni. Minimo.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Fitet

Lascia un commento

Top