Tennis, Atp Pechino: la rivincita di Nadal, Fognini si arrende in semifinale

tennis-fabio-fognini-us-open2015-fb-fognini.jpg

Rafa Nadal è il primo finalista dell’Atp di Pechino. Il maiorchino si prende la rivincita nei confronti di Fabio Fognini, che lo aveva sconfitto con un’incredibile rimonta agli Us Open. Il ligure gioca un’altra ottima partita, ma oggi lo spagnolo era in una delle sue versioni migliori e alla fine si è imposto in due set con il punteggio di 7-5 6-3 dopo un’ora e quarantasette minuti di gioco. 

Termina dunque in semifinale il torneo di Fognini, protagonista comunque di una settimana di livello sul cemento cinese. Fabio è stato bravo a sfruttare un buon tabellone, eliminando Goffin e Cuevas e anche oggi contro Nadal ha offerto un’altra buonissima prestazione, ma contro questo Rafa era davvero difficile vincere.

Il primo set si apre con il break di Fognini e l’immediato controbreak di Nadal. Il copione si ripete, ma questa volta a parti invertite, nel quarto e quinto game e si arriva in parità fino al decimo game. Lo spagnolo tiene la battuta, mentre Fabio, dopo aver annullato un set point, al secondo è costretto a cedere il servizio e di conseguenza anche la prima frazione.

Nel secondo set Nadal è perfetto al servizio e nei suoi primi quattro game al servizio concede solamente cinque punti a Fognini, mentre il ligure soffre di più e subisce il break nel sesto gioco. Rafa scappa sul 5-2, ma l’azzurro annulla due match point e riesce a portarsi sul 5-3. Fognini si procura un’occasione di recuperare il break, ma con un dritto perfetto il maiorchino annulla tutto e alla quarta palla match chiude.

Adesso in finale Nadal attende il vincente dell’altra semifinale, che mette di fronte il numero uno del mondo Novak Djokovic e lo spagnolo David Ferrer.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Tennis

andrea.ziglio@oasport.it

Foto: Pagina FB di Fabio Fognini

Tag

Lascia un commento

Top