Superbike, GP Francia 2015: la legge di Jonathan Rea a Magny-Cours

Superbike-Rea-Fabio-Bosi.jpg

14 vittorie, 22 podi stagionali e 29esimo successo in carriera. Questi sono solo alcuni numeri del neo Campione del Mondo Jonathan Rea che ha dominato anche l’appuntamento di Magny-Cours (Francia), penultimo del Mondiale Superbike 2015. Il britannico è stato protagonista di un altro assolo in condizioni di pista completamente diverse in Gara-1 e Gara-2.

Nella prima manche, su asfalto bagnato tendente all’umido, Johnny è stato il migliore nella gestione degli pneumatici lasciando sfogare il suo team mate Tom Sykes, nei primi giri, per poi infilarlo inesorabilmente nella curva a 180° e andar via, quasi in tranquillità, firmando il suo 13esimo sigillo in stagione con 4.711 secondi su Sykes. Tom che, pertanto, anche in quest’occasione, ha dovuto alzare bandiera bianca difronte alla superiorità di Rea, guadagnando però dei punti importanti in ottica secondo posto mondiale su Chaz Davies, autore di una corsa non all’altezza delle sue possibilità, chiusa in sesta posizione a 31″ dalla vetta. Sul terzo gradino del podio il campione del mondo uscente Sylvain Guintoli che mantiene così viva la sua striscia di podi consecutivi a Magny-Cours, conquistando un tanto atteso primo podio con Honda. Da segnalare la prestazione di Leon Camier che ha avuto la meglio su Davies per il quinto posto, consegnando al team MV Agusta Reparto Corse il miglior risultato dal ritorno alle competizioni dello scorso anno. Completano la top 10 Matteo Baiocco, Alex Lowes  Leandro Mercado. Undicesimo Niccolò Canepa  meno a suo agio sul bagnato, a precedere il buon Gianluca Vizziello , quest’ultimo abile a mettersi dietro piloti del calibro di Jordi Torres e Luca Scassa, sostituto dell’infortunato Davide Giugliano sulla Ducati Panigale-R ufficiale.

ORDINE DI ARRIVO GARA-1

12115945_1062703560429855_351534632098529131_n

 

 

In Gara-2 la musica non cambia ed è sempre Rea a dominare, stavolta su una pista asciutta e baciata da un pallido sole. Anche in questo caso, la gestione di corsa del pilota della Kawasaki è semplicemente perfetta. Prima metà di attesa, all’inseguimento di un gagliardo Davies sulla Panigale-R e poi inesorabile sorpasso al tornantino Adelaide, a 10 giri dal termine. Seconda manche che, guardando in casa Ducati, è da accogliere con il sorriso per Chaz, secondo davanti a Tom Sykes ed ora con 12 punti di vantaggio sull’inglese in graduatoria iridata. Buon settimo posto per Niccolò Canepa molto più in feeling con il circuito asciutto e nella top10  chiude anche Luca Scassa, con l’altra Ducati ufficiale (nona posizione).

ORDINE DI ARRIVO GARA-2

gp francia 2a manche

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Immagine di Fabio Bosi

Twitter: @Giandomatrix

Lascia un commento

Top