Scherma, Coppa del Mondo: Zagunis vince a Caracas, Rossella Gregorio è di bronzo

Rossella-Gregorio-scherma-foto-augusto-bizzi-federscherma1.jpg

Arriva il primo podio della scherma azzurra nella nuova stagione di Coppa del Mondo e a centrare questo importante risultato è stata Rossella Gregorio. A Caracas la campana chiude al terzo posto, confermandosi ai vertici della sciabola femminile mondiale. “Sono assai soddisfatta per questo podio centrato nella gara d’esordio stagionale – commenta Rossella -, ho avuto buone sensazioni per tutta la gara e soprattutto non ho mai mollato. Dovrà essere questo lo spirito che non dovrà mancare per l’intera stagione che si annuncia durissima. Era importante però iniziare bene e questo è il primo tassello”.

Gregorio che ha cominciato la sua prova con la vittoria sulla russa Obintseva per 15-10, poi è arrivato il momento del derby azzurro contro Loreta Gulotta ed è stato un assalto molto combattuto e che ha visto primeggiare Rossella solo all’ultima stoccata per 15-14. Negli ottavi il 15-6 con la polacca Socha e l’assalto che le ha regalato il podio è stato quello con la cinese Shen, anche lei superata all’ultima stoccata dalla nostra portacolori. In semifinale il cammino della campana si è interrotto, con il ko per 15-12 contro la coreana Seo.

La sciabolatrice asiatica si è così qualificata per la finale, dove a trionfare, però, è stata l’americana Mariel Zagunis, che ha sconfitto Seo per 15-8. A completare il podio, sul gradino più basso oltre a Gregorio ci sale anche la francese Brunet.

In casa Italia solo Gregorio ha superato gli assalti del tabellone delle 32: detto di Loreta Gulotta, Irene Vecchi è stata sconfitta dall’americana Muhammad per 15-11. Subito, invece, eliminate all’esordio Martina Petraglia (15-4 con Zagunis) e Caterina Navarria (15-10 con la polacca Socha).

Oggi ci sarà la prova a squadre e il quartetto azzurro sarà formato da Rossella Gregorio, Irene Vecchi, Loreta Gulotta e Martina Petraglia, che sostituisce l’infortunata Ilaria Bianco, rimasta in Italia. “Il mio auspicio – dice il Commissario tecnico, Giovanni Sirovich – è che la grinta, la determinazione e la caparbietà mostrate in pedana da Rossella Gregorio nell’individuale, possano “contagiare” tutta la squadra, portando ciascuna ad esprimere la migliore scherma possibile e quindi superare ogni ostacolo”

 

tutte le dichiarazioni dal sito della Federscherma

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

andrea.ziglio@oasport.it

Twitter: @Andrea_Ziglio

Foto da: Augusto Bizzi/Federscherma

Lascia un commento

Top