Rugby, Mondiali 2015: Australia-Galles per evitare gli Springboks, la Scozia per assicurarsi i quarti

CQa997YUEAAy_z7.jpg

Dopo l’antipasto di ieri tra All Blacks e Tonga, l’ultima giornata della fase a gironi dei Mondiali 2015 di rugby entra nel vivo con due match tra i più attesi del fine settimana, che dovranno decidere l’ultima delle otto qualificate ai quarti e il primo posto nel girone della morte. Il menù prevede il primo piatto al St. James’ Park di Newcastle, dove la Scozia vuole suggellare la seconda posizione nel gruppo B contro delle Samoa estremamente deludenti fin qui, come testimoniato dalla batosta rimediata dal Giappone una settimana fa. La nazionale del Cardo, insomma, parte con tutti i favori del pronostico e ne ha ben donde, viste le buone indicazioni offerte nei precedenti match e la formazione titolare che Vern Cotter si può permettere di schierare. I samoani, dal canto loro, proveranno a chiudere degnamente una Rugby World Cup sottotono.

SAMOA – SCOZIA (kick-off alle ore 15:30, diretta tv su Sky Sport 2)

Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Tommy Seymour, 13 Mark Bennett, 12 Matt Scott, 11 Sean Maitland, 10 Finn Russell, 9 Greig Laidlaw (c), 8 David Denton, 7 John Hardie, 6 Ryan Wilson, 5 Jonny Gray, 4 Richie Gray, 3 WP Nel, 2 Ross Ford, 1 Alasdair Dickinson.
A disposizione: 16 Fraser Brown, 17 Gordon Reid, 18 Jon Welsh, 19 Tim Swinson, 20 Josh Strauss, 21 Henry Pyrgos, 22 Peter Horne, 23 Sean Lamont.

Samoa: 15 Tim Nanai-Williams, 14 Paul Perez, 13 George Pisi, 12 Rey Lee-Lo, 11 Fa’atoina Autagavaia, 10 Tusi Pisi, 9 Kahn Fotuali’i (c), 8 Alafoti Faosiliva, 7 Jack Lam, 6 Maurie Faasavalu, 5 Kane Thompson, 4 Teofilo Paulo, 3 Census Johnston, 2 Ma’atulimanu Leiataua, 1 Sakari Taulafo.
A disposizione: 16 Motu Matu’u, 17 Viliamu Afatia, 18 Anthony Perenise, 19 Faifili Levave, 20 Vavae Tuilagi, 21 Vavao Afemai, 22 Patrick Faapale, 23 Ken Pisi

L’attesa, però, è soprattutto per il secondo match di giornata tra Australia e Galles. In pochi probabilmente avrebbero pronosticato una sfida decisiva soltanto per il primo posto e non per la qualificazione, viste le premesse che volevano i Dragoni indietro rispetto ai Wallabies e all’Inghilterra. Gli uomini di Gatland, invece, hanno sconfessato gran parte delle previsioni grazie all’eroica vittoria di Twickenham e si giocheranno sempre nel tempio di Londra la possibilità di non incontrare il Sudafrica ai quarti. I gallesi dovranno tuttavia fare i conti con i tanti infortuni (titolare sarà addirittura Anscombe, richiamato in settmana) e soprattutto con un’Australia capace di annientare l’Inghilterra, guidata un guerriero come Pocock in terza linea e dalla classe infinita di una trequarti sempre stellare. I Wallabies partono favoriti insomma, anche piuttosto evidentemente, ma il cuore di Biggar&co. non è da sottovalutare.

AUSTRALIA – GALLES (kick-off alle ore 17:45, diretta tv su Sky Sport 2)

Australia: 15 Israel Folau, 14 Adam Ashley-Cooper, 13 Tevita Kuridrani, 12 Matt Giteau, 11 Drew Mitchell, 10 Bernard Foley, 9 Will Genia, 8 David Pocock, 7 Sean McMahon, 6 Scott Fardy, 5 Dean Mumm, 4 Kane Douglas, 3 Sekope Kepu, 2 Stephen Moore (c) 1 Scott Sio
A disposizione: 16 Tatafu Polota-Nau, 17 James Slipper, 18 Greg Holmes, 19 Rob Simmons, 20 Ben McCalman, 21 Nick Phipps, 22 Matt Toomua, 23 Kurtley Beale

Galles: 15 Gareth Anscombe, 14 Alex Cuthbert, 13 George North, 12 Jamie Roberts, 11 Liam Williams, 10 Dan Biggar, 9 Gareth Davies, 8 Taulupe Faletau, 7 Justin Tipuric, 6 Sam Warburton (c), 5 Alun Wyn Jones, 4 Luke Charteris, 3 Samson Lee, 2 Scott Baldwin, 1 Paul James
A disposizione: 16 Ken Owens, 17 Aaron Jarvis, 18 Tom Francis, 19 Jake Ball, 20 Ross Moriarty, 21 Lloyd Williams, 22 Rhys Priestland, 23 James Hook

La partita meno importante si gioca invece in prime time, con i padroni di casa dell’Inghilterra che vorranno chiudere nel migliore dei modi possibili un Mondiale da dimenticare al più presto. L’avversario si presta bene a questo compito, visto che la cenerentola Uruguay avrà ben poco da dire contro un XV della Rosa zeppa di riserve ma comunque nettamente superiore ai generosi Los Teros. Si gioca al City of Manchester Stadium.

Inghilterra: 15 Alex Goode, 14 Anthony Watson, 13 Henry Slade, 12 Owen Farrell, 11 Jack Nowell, 10 George Ford, 9 Danny Care, 8 Nick Easter, 7 Chris Robshaw (c), 6 James Haskell, 5 Geoff Parling, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Tom Youngs, 1 Mako Vunipola
A disposizione: 16 Jamie George, 17 Joe Marler, 18 David Wilson, 19 George Kruis, 20 Tom Wood, 21 Richard Wigglesworth, 22 Jonathan Joseph, 23 Mike Brown

Uruguay: 15 Gaston Mieres, 14 Santiago Gibernau, 13 Joaquin Prada, 12 Andres Vilaseca, 11 Rodrigo Silva, 10 Felipe Berchesi, 9 Agustín Ormaechea, 8 Alejandro Nieto, 7 Matias Beer, 6 Juan Manuel Gaminara, 5 Jorge Zerbino, 4 Santiago Vilaseca (c), 3 Mario Sagario, 2 Carlos Arboleya, 1 Mateo Sanguinetti
A disposizione: 16 Nicolas Klappenbach, 17 Oscar Duran, 18 Alejo Corral, 19 Mathias Palomeque, 20 Diego Magnol 21 Agustín Alonso, 22 Alejo Durán, 23 Manuel Blengio

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Twitter Wallabies

Tag

Lascia un commento

Top