Nuoto: ritorno al passato per Missy Franklin dopo un 2015 sottotono

ledecky-e-franklin.jpg

Non sa più vincere, Missy Franklin, o almeno non sa più cogliere titoli mondiali individuali. Dopo l’exploit di Londra 2012 (4 ori e un bronzo a soli 17 anni) e la conferma di Barcellona 2013 (6 ori, tondi tondi), la ragazzina prodigio a stelle e strisce si è persa.

Un infortunio alla schiena l’ha certamente rallentata, ma a Kazan 2015 – dopo due anni di college in California – è sembrata involuta. Sconfitta nei 200 stile libero sia da Katie Ledecky (che la sta anche superando in termini mediatici) che da Federica Pellegrini e nei 200 dorso da Emily Seebohm, è addirittura rimasta fuori dal podio nei 100 dorso di cui è campionessa olimpica. Gli ori in staffetta (due, 4×200 sl e 4×100 sl mista, che neanche ci sarà a Rio) non possono averla soddisfatta. E allora, dopo essere diventata ambasciatrice nel mondo del nuoto Usa, ha deciso di cambiare vita.

Il mondo del professionismo, annunciato già la scorsa primavera, la attende. Potrà guadagnare con gli sponsor, potrà curare la sua immagine, ma soprattutto potrà e dovrà tornare a essere la Missy Franklin che tutti hanno ammirato fino al Pala San Jordi. E lo farà riabbracciando il suo allenatore storico, Todd Schmitz, con tanti saluti a quella Teri McKeever con la quale, forse, non è mai scattata la giusta scintilla. Almeno non a livello sportivo, che in fondo è quello che alla fine rimane scritto negli annali.

La 20enne di Pasadena, già ribattezzata la nuova Phelps, sfrutterà gli allenamenti in altura e inizierà fin da subito a eseguire simulazioni del clima che troverà a Rio. “E’ un grande cambiamento – ha dichiarato all’agenzia di stampa Reuters -, ma ora potrò dedicarmi al 100% agli allenamenti, che è la cosa più importante e più bella per me“.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Facebook Usa Swimming

Lascia un commento

Top