Nuoto, Coppa del Mondo: quantità vs qualità. Hosszu non è più la regina

Hosszu-Katinka-doha-2014-nuoto-foto-pagina-fb-fina-deepbluemedia.jpg

Si può vincere la Coppa del Mondo di nuoto per l’ennesima volta in carriera e rischiare di essere snobbati dai media? No. O sì. Forse, diciamo. E’, in poche parole, quello che sta succedendo in questi giorni a Katinka Hosszu, abituata (e aveva abituato pure noi) a prendersi le copertine di ogni tappa, sia in vasca corta – edizioni passate – che in lunga, novità del 2015 in vista delle Olimpiadi.

E invece di Iron Lady, pur uscendo da Tokyo con i soliti quattro ori a cui vanno sommati tre argenti e un bronzo, s’è parlato pochissimo ultimamente. La classifica generale, in attesa degli ultimi due appuntamenti medio orientali di settimana prossima a cui parteciperà anche l’Italia, è già virtualmente sua: gareggiando in quasi tutte le specialità, i punti che la magiara ottiene sono alla lunga impossibili per qualsiasi altra umana. Ma non sempre quantità fa rima con qualità, soprattutto nel nuoto.

E nei riepiloghi delle varie giornate, con la mente sempre già rivolta verso Rio 2016, i titoli, le prime righe e gli approfondimenti devono andare a chi timbra i cronometri più interessanti. Ecco perché vincere tanto, ma senza rivali all’altezza, può passare in secondo piano rispetto a vincere un po’ di meno – non che tre ori siano pochi, poi – ma con grandi tempi. E l’esempio lampante arriva proprio dalla due giorni giapponese: Emily Seebohm.

La fuoriclasse australiana del dorso, recuperata prima dei Mondiali di Kazan da continui problemi fisici, sta vivendo una seconda metà di 2015 da sogno. Due ori iridati, 100 e 200, e continue prestazioni da urlo in Coppa del Mondo. A Tokyo ha calato il tris, 50-100-200, e soprattutto nella distanza intermedia ha sfiorato per l’ennesima volta un record del mondo destinato, nel breve termine, a cadere. La striscia dei sub 59” della Seebohm è straordinaria: 11 in stagione, mai nessuna come lei. E, piano piano, quel 58”12 di Gemma Spofforth nel mirino. In Russia, al top della forma, ci era andata davvero vicino: 58”26. Ieri ha fatto 58”37, altro “quasi”. Per essere novembre, più che dei segnali sono dei fuochi d’artificio verso Rio 2016. Ci divertiremo.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Fina/DeepBlueMedia

Lascia un commento

Top