MotoGP, GP Giappone 2015: i precedenti Valentino Rossi – Jorge Lorenzo a Motegi

Rossi-Lorenzo-Marquez-2-FOTOCATTAGNI.jpg

Inizia a Motegi il decisivo tour de force orientale del Motomondiale 2015, tre weekend consecutivi di prevedibile show time su due ruote, un’autentica apnea di emozioni che regalerà spettacolo a tutto il mondo. A proposito di apnee e riferimenti alla sfera acquatica, il “pesciolino” Rossi inizia a sentire il fiato sul collo dello “squalo” Lorenzo e il gesto della pinna nel parco chiuso di Aragon da parte del maiorchino la dice lunga su quali siano le premesse ai quattro Gran Premi che assegneranno la corona iridata. Anche perché, ufficialmente, in casa Yamaha regna l’ordine e l’armonia, dopo la vittoria del titolo costruttori, ma dietro le quinte c’è grande fermento, tensione e adrenalina.

Quello di quest’anno sarà l’ottavo confronto diretto in MotoGP tra Lorenzo e Rossi, sul circuito nipponico ubicato nella prefettura di Tochigi: tre vittorie ad una per lo spagnolo lo score attuale. Jorge si trova a suo agio sulla pista di Motegi, ha addirittura dichiarato di amarla come poche altre in calendario, infatti vi ha vinto negli ultimi due anni e per trovare un GP del Giappone senza Lorenzo sul podio bisogna andare al 2010, quando vinse Casey Stoner davanti ad Andrea Dovizioso (Dottore terzo, Por Fuera quarto, dopo un corpo a corpo indimenticabile).

 

Motegi 2010 – Lo spettacolare duello tra Valentino e Jorge. Rossi, con una gamba malconcia e dopo un’incredibile bagarre, riuscì a strappare il podio al suo compagno di marca

 

“Non è certo la mia pista preferita”, ripete ogni anno di questi tempi Valentino, che non vince qui dal 2008. A dire il vero, il rapporto di Rossi con il Paese del Sol Levante è più che buono, ma a Tavullia le istantanee più belle del Giappone sono legate al mitico circuito di Suzuka: tripletta da antologia nelle stagioni 2001-2002-2003, tra classe 500 e MotoGP. Più l’affermazione nell’anacronistico GP del Pacifico 2001, proprio sul circuito di Motegi.

I numeri complessivi sorridono a Valentino Rossi, che in Giappone è salito ben tredici volte sul podio, contro le sei di Jorge Lorenzo. Il pilota iberico ha ottenuto però più vittorie sul tracciato di Motegi e le due affermazioni del 2013 e 2014 lo pongono nella condizione – talvolta insidiosa – di favorito. Da non dimenticare anche il duello della stagione 2009 che vide trionfare, dopo un altro testa a testa niente male, il più giovane dei due yamahisti. Il Dottor Rossi dovrebbe dunque giocare una gara in difesa, così come ad Aragon, ma i sempre imprevedibili sviluppi della corsa e i dubbi legati alla contusione all’articolazione acromion-clavicolare rimediata sabato da Lorenzo, durante un allegro allenamento in mini bike, consigliano il ricorso alla proverbiale “tripla” di (toto)calcistica memoria…

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

Lascia un commento

Top