Marquez-Rossi come Armstrong contro Simeoni al Tour 2004

Lance_Armstrong_2005-Bjarte-Hetland-Own-work-CC-BY-SA-3.0.jpg

La testata di Zidane a Materazzi, il morso di Tyson a Holyfield,  lo scontro Schumacher-Villeneuve in Formula 1, il duello Capirossi-Harada del 1998. Sono parecchi i gesti sportivi del passato accostati in questi giorni allo scontro Marquez-Rossi. Tutti con un denominatore comune: due atleti in lotta tra loro per il Mondiale.

Non è il caso dello scontro avvenuto a Sepang, in cui Marquez non aveva più niente da dire nella lotta per l’iride. Proprio per questo motivo, l’azione che più si avvicina a quanto accaduto domenica è il comportamento tenuto da Lance Armstrong nei confronti di Filippo Simeoni.

Nella terzultima tappa del Tour 2004, infatti, il cowboy statunitense si rese protagonista di un comportamento antisportivo molto simile a quello tenuto dal giovane centauro catalano; con la classifica già scritta e una tappa adatta alle fughe da lontano, la maglia gialla si fiondò sulla ruota del rivale azzurro, costringendolo ad abbandonare i sogni di gloria. Una vendetta che scaturì per le accuse di doping (risultate in seguito fondate) nei confronti del texano padre e padrone della corsa a tappe francese.

Lo stesso atteggiamento tenuto da Marquez in Malesia e in parte anche a Phillip Island, dove il quattro volte campione del mondo ha palesemente ostacolato il fuoriclasse di Tavullia per vendicare le sconfitte subite in Argentina e Olanda. Due azioni non punibili regolamento alla mano ma che possono essere prese come esempi negativi in qualsiasi disciplina sportiva.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

Lascia un commento

Top