Maratona New York 2015: l’Italia sogna con Daniele Meucci, Andrea Lalli e Anna Incerti

Daniele-Meucci-Zurigo-e1471762670887.jpg

Daniele Meucci


Esclusi Valeria Straneo e Ruggero Pertile, l’Italia sarà al via della Maratona di New York, di gran lunga la più prestigiosa al mondo, con i suoi esponenti migliori del momento: Daniele Meucci, Andrea Lalli ed Anna Incerti (clicca qui per il programma e l’orario della gara).

Le ultime vittorie del Bel Paese nella ‘Grande Mela’ risalgono al secolo scorso. L’affermazione più ‘recente’ resta quella di Franca Fiacconi nel 1998, mentre in campo maschile siamo fermi al trionfo di Giacomo Leone nel 1996, peraltro ultimo successo di un europeo prima dell’avvento dello strapotere africano (14 vittorie del Continente Nero nelle ultime 17 edizioni).

Il grande favorito della prova riservata agli uomini sarà il keniano Wilson Kipsang, già vincitore nella passata edizione, pur con un tempo non eccelso di 2h10’59”. Punterà al bis anche la connazionale Mary Keitany, in una prova femminile che vedrà al via anche la campionessa d’Europa francese Christelle Daunay.

Difficile attendersi una vittoria azzurra. Meucci, tuttavia, potrebbe legittimamente ambire ad una top5. Il campione d’Europa in carica, ottavo agli ultimi Mondiali di Pechino, ha già partecipato alla Maratona di New York nel 2013, chiudendo decimo in 2h12’03”. “Penso di essere in buona condizione e ho tutta la voglia di far bene. Il cronometro? Non è questa la maratona in cui si deve pensare al tempo“, ha dichiarato il 30enne pisano.

Primo grande appuntamento per Lalli sulla 42 km e 195 metri sotto la guida di un nuovo allenatore di prestigio: “Affronto questa esperienza sotto la guida di un grande campione come Stefano Baldini che ora mi segue come allenatore. Sono l’ultimo arrivato nell’entry-list della maratona più famosa del mondo. E’ una grande emozione e sono convinto che sarà un’esperienza davvero importante“.

Anna Incerti freme per la sua prima volta: “E’ un sogno che si avvera. Non puoi dire di essere un maratoneta se non hai corso a New York! So che mi attendono avversarie fortissime e che il percorso non è proprio il massimo per le mie caratteristiche, ma in questi mesi il mio coach Tommaso Ticali mi ha fatto lavorare molto su tracciati variati per preparare al meglio questo appuntamento“.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@oasport.it

Lascia un commento

Top