Judo, Grand Slam Parigi 2015: alcune stelle e tante assenze, ma punti pesanti in palio

Judo-Edwige-Gwend.jpg

Il Grand Slam di Parigi ha rivoluzionato quest’anno il calendario del judo internazionale: per via dei lavori di ristrutturazione del Palais Omnisports di Bercy, infatti, l’importante torneo è stato spostato da febbraio ad ottobre, condensando di fatto gli appuntamenti nella parte finale della stagione, con i Grand Slam di Abu Dhabi e Tokyo che seguiranno. Inoltre, la prova parigina assegnerà punti al 100% per la qualificazione olimpica, così come avverrà per l’edizione del 2016, che si terrà regolarmente ad inizio anno. Questa condensazione di eventi ha portato anche diversi atleti a rinunciare alla prova (tra gli uomini non ci sarà nessuno dei campioni iridati in carica), mentre altri, soprattutto alcune delle stelle della squadra di casa, sono stati costretti al forfait per via di problemi fisici.

Dopo la medaglia d’oro del Grand Prix di Tashkent, che ha rafforzato ulteriormente la sua leadership nella squadra azzurra, Edwige Gwend spera di continuare sulla giusta strada nella categoria 63 kg. Già medagliata lo scorso anno a Tokyo, l’atleta nata in Camerun dovrà però vedersela con una concorrenza di primo piano, visto che, a parte la francese Clarisse Agbegnenou e la giapponese Miku Tashiro, le big della sua categoria saranno tutte presenti, a partire dalla campionessa iridata Tina Trstenjak. Accreditata della testa di serie numero sette, Gwend non dovrebbe comunque trovare la slovena se non in un’eventuale finale, salvo ulteriori modifiche tra le partecipanti.

Discorso diverso per il leader della squadra maschile, Antonio Ciano, che tra gli 81 kg beneficerà di una testa di serie viste le numerose assenze. Dei migliori dieci del ranking mondiale sarà presente solamente il tedesco Sven Maresch, un’occasione da non perdere per il judoka campano reduce da un quinto posto non del tutto soddisfacente all’European Open di Glasgow.

Grande curiosità ci sarà anche per vedere all’opera i due giovani della squadra azzurra, Fabio Basile (66 kg) ed Antonio Esposito (73 kg), che affiancheranno nelle rispettive categorie i più navigati Elio Verde ed Andrea Regis. I due ragazzi avranno finalmente quell’opportunità di confrontarsi con i big che richiedono da tempo, con Basile che si presenterà in Francia con al collo la medaglia di bronzo di Glasgow. Il sorteggio potrebbe riservare loro subito un big, visto che in entrambe le categorie saranno presenti sei top ten, con il mongolo Tumurkhuleg Davaadorj accreditato della testa di serie numero uno nella 66 kg, mentre tra i 73 kg troveremo l’azero Rustam Orujov, numero uno mondiale reduce da alcuni problemi fisici.

La squadra maschile sarà completata da Walter Facente (90 kg) e Domenico Di Guida (100 kg), che combatteranno nelle categorie i cui rispettivi leader saranno l’olandese Noël van ‘t End e l’azero Elmar Gasimov. Tra i 100 kg, però, gli occhi saranno puntati soprattutto sul ceco Lukáš Krpálek e sul francese Cyrille Maret, che vinse un anno fa.

Tornando alle donne, Valentina Moscatt prenderà parte al torneo della 48 kg, particolarmente denso con sette delle migliori dieci al mondo e soprattutto la mongola Urantsetseg Munkhbat che ha recentemente riconquistato il primo posto nel ranking IJF. Compito molto difficile anche per Giulia Quintavalle (57 kg), alla ricerca della fiducia perduta e soprattutto dei punti necessari per non perdere il treno olimpico: la leader del tabellone sarà la rumena Corina Căprioriu, ma le favorite andranno ricercate nella portoghese Telma Monteiro e nella padrona di casa Automne Pavia. L’ultima azzurra in lizza sarà Assunta Galeone (78 kg), che dovrà vedersela con otto top ten mondiali tra le quali la campionessa olimpica Kayla Harrison (Stati Uniti).

* Clicca qui per i convocati dell’Italia
* Clicca qui per i convocati della Francia
* Clicca qui per i convocati del Giappone
* Clicca qui per i convocati della Russia
* Clicca qui per i convocati del Brasile

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top