Golf, British Masters 2015: Matthew Fitzpatrick, è nata una stella! Il 21enne trionfa a Woburn

12108891_10153100591555969_6396024309427296618_n-e1444586449177.jpg

La prima volta non si scorda mai. Specie se hai 21 anni e la tua carriera sembra essere destinata ad un’irrefrenabile ascesa. E’ il caso di Matthew Fitzpatrick, che conquista il suo primo torneo da professionista sull’European Tour al British Masters (montepremi $ 3.000.000) e compie un ulteriore salto in avanti nelle gerarchie del circuito continentale. L’inglese trionfa a Woburn dopo essere stato al comando per quattro giornate consecutive, mostrando nervi saldissimi nel resistere agli attacchi degli inseguitori e nel chiudere a -15 (269 – 64 69 68 68).

Fitzpatrick si è concesso anche il lusso di marcare un bogey all’ultima buca e di non rischiare praticamente nulla, visti i cinque birdie precedenti (più un altro bogey) di cui quattro sulle seconde nove, dove ha praticamente ammazzato il torneo e costruito il suo -3 di giornata. Il britannico ha staccato di due colpi i tre soli in grado di provare ad avvicinarlo, ovvero l’irlandese Shane Lowry, il paraguaiano Fabrizio Zanotti e il danese Soren Kjeldsen: nessuno di loro, tuttavia, è riuscito a tenere il passo dell’inglese, dovendosi accontentare alla fine della seconda posizione con -13. Il leader a pari merito con Fitzpatrick ad inizio giornata, Kiradech Aphibarnrat, non è andato oltre la quinta posizione (-11), a causa di uno scialbo 72 (+1) il thailandese ha concluso con lo stesso score dell’australiano Marcus Fraser, con il francese Mike Lorenzo-Vera e con l’inglese Luke Donald.

Conclude in 38esima posizione un torneo anonimo Francesco Molinari, che non va oltre un 71 (Par) nell’ultimo round. Il torinese realizza due bogey e due birdie, chiudendo a -3 (281 – 71 69 70 71) una settimana di stenti. Dopo l’ottimo giro di ieri, invece, rimbalza completamente Marco Crespi: il lissonese sprofonda con un 75 (+4) in 60esima posizione, pari al Par con 284 colpi (69 72 68 75).

Twitter: @panstweet

daniele.pansardi@oasport.it 

Foto: pagina Facebook European Tour

Tag

Lascia un commento

Top