Giro di Lombardia 2015: tanti outsider su un percorso duro

Thibaut-Pinot-FB-FDJ-e1449585217372.jpg

Nibali e Valverde, Gilbert e Rodríguez: sono senza dubbio questi i quattro favoriti del Giro di Lombardia 2015.

In ogni caso, alle spalle di questo poker d’assi troviamo una nutrita platea di outsider. Nella conferenza stampa al termine della Tre Valli Varesine, a precisa domanda dei giornalisti Nibali ha fatto tre nomi su chi potrebbero essere i rivali più pericolosi per la classica delle foglie morte: Thibaut Pinot, Greg Van Avermaet, Rigoberto Urán. Con l’eccezione del trentenne di Lokeren, che comunque in casa BMC potrebbe essere sacrificato alla causa di Philippe Gilbert, gli altri non sono certo atleti da corse di un giorno, sebbene il colombiano in passato abbia già disputato degli ottimi Lombardia: eppure, il percorso particolarmente arcigno di questo Giro di Lombardia potrebbe avvantaggiare proprio corridori abitualmente poco competitivi in questo genere di competizioni.

Il francese è apparso particolarmente brillante nella corsa varesina, il colombiano, invece, lo ricordiamo ancora con una grandissima gamba al Gp di Québec dello scorso 11 settembre, quando beffò tutta la concorrenza. Una vecchia volpe come Davide Rebellin, che non sembra mai all’ultima chiamata della carriera nonostante l’età, resta tuttavia in agguato: e chissà che un percorso così aggressivo non risvegli un Damiano Cunego, peraltro con una discreta gamba, sulle strade che gli hanno regalato alcune delle soddisfazioni più grandi della carriera. Poi si potrebbero fare altri nomi, da Jelle Vanendert a Rui Costa: del resto, il Giro di Lombardia è l’ultima chance per cambiare verso ad una stagione. Oppure per renderla indimenticabile. 

foto: pagina Facebook Fdj

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@oasport.it

 

Lascia un commento

Top