Ginnastica, Mondiali 2015 – Regno senza tramonto: Uchimura, Imperatore d’Oriente! Sesto trionfo consecutivo

kohei-uchimura-campione-del-mondo-6-volte.jpg

Mikado. Imperatore. Re. Qualsiasi titolo gli si voglia affibbiare è semplicemente il ginnasta più forte di tutti i tempi. Kohei Uchimura si conferma Campione del Mondo, inarrivabile trionfatore nel concorso generale individuale ai Mondiali 2015 di ginnastica artistica.

Il giapponese conquista meritatamente e senza alcuna fatica il suo sesto titolo iridato consecutivo, impresa mai riuscita a nessuno in passato (massimo ci si era fermati a due…). Il 26enne di Kitakyushu non perde una gara dai tempi dell’argento alle Olimpiadi 2008 e oggi ha ribadito ancora una volta la sua netta superiorità nei confronti di tutti gli avversari.

Londra 2009, Rotterdam 2010, Tokyo 2011 per presentarsi alle Olimpiadi 2012 e trionfare al termine di un ciclo da urlo. Anversa 2013, Nanning 2014, Glasgow 2015 per volare a Rio dove vorrà riconfermarsi anche sul tetto a cinque cerchi. Uchimura ha conquistato la nona medaglia d’oro ai Mondiali, la 16esima in totale.

Kohei realizza così l’agognata doppietta oro a squadre – oro all-around che inseguiva da una vita. Dopo l’impresa dell’altro ieri quando ha guidato la sua Nazionale al trionfo sulla Cina che mancava da 37 anni, oggi ha completato il numero da vero Campione del Mondo.

 

Uchimura ha guidato la classifica dalla prima all’ultima rotazione. Alle spalle del nipponico nessuno è riuscito a trovare continuità per provare quantomeno a impensierire il più forte di tutti che si trovava già al comando al termine del turno di qualificazione nonostante una caduta al corpo libero. Quadrato dove oggi è stato il migliore in assoluto (15.733), eccellente poi al cavallo (15.100), cala leggermente agli anelli (14.933) prima di chiudere definitivamente la contesa al volteggio (15.633). La gara terminerà con alle parallele e alla sbarra per il superlativo totale di 92.332 punti.

Medaglia d’argento per il sorprendente e inatteso cubano Manrique Larduet (90.698): lo abbiamo ammirato per tutta la stagione di Coppa del Mondo ma mai ci saremmo aspettati di vederlo così in alto. Il bronzo va al collo del cinese Shudi Deng (90.099). Niente da fare per Oleg Verniaiev: l’ucraino Campione d’Europa era sulla carta il rivale numero 1 di Uchimura, ma causa errori al cavallo, si è dovuto accontentare della quarta posizione (89.640).

Quinto il britannico Max Whitlock (89.249), sesto il russo Nikolai Kuksenkov (89.198), settimo il britannico Daniel Purvis (89.064), ottavo lo statunitense Donnell Whittenburg (88.797).

 

(foto comitato organizzatore)

Lascia un commento

Top