Ginnastica, Mondiali 2015 – Italia, le pagelle delle azzurre: bella prova d’orgoglio, Fasana prova Finale

IMG_9798.jpg

In serata si è disputata la Finale a Squadre dei Mondiali 2015 di ginnastica artistica. A Glasgow l’Italia ha conquistato un positivo settimo posto nella serata che ha premiato la potenza USA davanti alla Cina e alla sbalorditiva Gran Bretagna (clicca qui per la cronaca).

 

ITALIA: 8. Con orgoglio, con onore, senza pressioni e senza obblighi particolari. La Nazionale fa quello che le era stato chiesto dopo aver già realizzato la sua grande impresa a questi Mondiali e con estrema dignità conduce la sua buona gara.

Una squadra positiva e unita nella prova più significativa della settimana per tanti motivi, nonostante una rivisitazione completa della formazione rispetto a quella che ha guadagnato il pass per le Olimpiadi. Arriva un settimo posto onorevole e sempre prestigioso, convincendo per l’atteggiamento e sporcata solo dalle due cadute alla trave che ci hanno impedito di confermare il quinto posto della qualifica e della passata stagione (contava solo per l’orgoglio personale e, ma facciamo una battuta, per i 3000 dollari che avrebbero arricchito il conto in banca).

 

ERIKA FASANA: 8,5. Che corpo libero, che diagonali stoppate, che dinamicità. È convinta più che mai stampa un super 14.500 (5.9) e si candida seriamente tra le ragazze in lotta per i piazzamenti che contano nella finale di specialità. Non si risparmia neanche il doppio avvitamento al volteggio, ma un piccolo risentimento al gomito le consiglia di evitare lo sforzo sugli staggi. La aspettiamo tra cinque giorni…

CARLOTTA FERLITO: 8. Dopo le due cadute alla trave serviva una pronta risposta dalla numero 1 sull’attrezzo e arriva prontamente (14.300). Si conferma combattiva e in uno stato di forma da urlo che anche tra corpo libero e volteggio le consente di dare un’ulteriore importante mano alla causa nazionale.

ENUS MARIANI: 7+. Il miglior esercizio azzurro alle parallele (ottimo 14.166, 5.8), alla sua prima gara in un Mondiale, partendo da riserva e sostituendo Vanessa Ferrari. Le linee alle parallele sono sempre bellissime, chiude lei la Finale a squadre ma peccato per quella caduta alla trave mentre stava eseguendo un esercizio gradevole e di ottima fattura.

LARA MORI: 7. Apre la finale dell’Italia con una caduta ma ha modo di riscattarsi durante l’ultima rotazione: Erika ha un problemino fisico, alla toscana viene chiesto di togliersi la tuta e di salire sugli staggi. Detto, fatto, pronta reazione (13.800) considerando che su questo attrezzo era caduta in qualifica. Era alla sua seconda finale a squadre iridata e torna a casa più che soddisfatta.

ELISA MENEGHINI: 7,5. Non sale sull’amata trave ma tra corpo libero (14.200) e un perfetto avvitamento e mezzo al volteggio conduce una gara eccellente portando due punteggi fondamentali per la causa.

TEA UGRIN: 7. La vediamo solo alle sue parallele e con freddezza porta a casa un esercizio pulito, solido e senza sbavatura dopo un turno di qualificazione da grande protagonista. Si prepara così alla Finale del concorso generale individuale.

 

Articoli correlati:

Mondiali 2015 – Tripudio USA: triplete di Biles e compagne! Italia bella settima

Mondiali 2015 – Italia, le pagelle delle azzurre: bella prova d’orgoglio, Fasana prova Finale

Lascia un commento

Top