Equitazione: a Lione la giornata delle amazzoni, vincono Ferrer-Salat e Leprevost

Equitazione-Pénélope-Leprevost.jpg

La giornata di venerdì ha visto a Lione lo svolgimento del Grand Prix Freestyle valido per la Coppa del Mondo di dressage 2015/2016, e più precisamente per la seconda gara della divisione europea dopo quella danese di Odense. Sul rettangolo francese si è imposta, come nel Grand Prix di giovedì, l’amazzone spagnola Beatriz Ferrer-Salat, già medagliata europea ad Aachen, che in sella a Delgado ha sfondato la barriera degli ottanta punti (82.875%). Solamente un altro binomio è riuscito in quest’impresa, quello svedese formato da Patrik Kittel e Deja, che si sono dunque classificati secondi (81.175%), precedendo la tedesca Fabienne Lütkemeier su D’Agostino FRH (79.850%). Unica azzurra presente, Silvia Rizzo si è classificata quattordicesima in sella a Sal (64.975%).

In base a questi risultati, è proprio lo svedese Kittel a portarsi al comando della classifica con 37 punti, precedendo la svizzera Marcela Krinke Susmelj e l’ucraina Inna Logutenkova.

CLASSIFICA COPPA DEL MONDO DRESSAGE 2015/2016
1 Patrik KITTEL SWE 37
2 Marcela KRINKE SUSMLEJ SUI 33
3 Inna LOGUTENKOVA UKR 30
4 Judy REYNOLDS IRL 24
5 Alexandre AYACHE FRA 20
5 Beatriz FERRER-SALAT ESP 20
5 Edward GAL NED 20
5 Ellen SCHULTEN-BAUMER GER 20
9 Charlotte HAID BONDEGÅRD SWE 19
9 Goncales CARVALHO POR 19
9 Jenny LARSSON SWE 19

In attesa della prova di Coppa del Mondo, in programma per la giornata di domenica, a Lione hanno gareggiato anche i binomi del salto ostacoli. La gara più importante, quella con jump-off ed ostacoli a 1.50-1.60 metri, è stata vinta dall’amazzone di casa Pénélope Leprevost in sella a Flora de Mariposa. Al termine di un barrage con venti protagonisti, la francese ha chiuso la sua prova senza errori con il tempo di 39″12, precedendo in classifica lo svedese Henrik von Eckermann su Sansibar 89 (39″70) e la tedesca Meredith Michaels-Beerbaum su Fibonacci (40″20). Alla prova decisiva ha preso parte anche Emanuele Gaudiano, diciannovesimo con Caspar.

Infine, la prova in due fasi ha ancora premiato i padroni di casa, con la vittoria di Laurent Guillet su Sultan du Chateau (30″83) davanti al brasiliano Pedro Veniss su Rissoa d’Ag Bois Margot (30″92) ed all’altro francese Roger-Yves Bost su Nippon d’Elle (30″98). La campionessa italiana Giulia Martinengo Marquet ha invece terminato al tredicesimo posto in sella a Fixdesign Istafan Sissi (44″04).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: Pénélope Leprevost (Facebook)

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top