Calcio, qualificazioni Euro 2017 under 21: Italia in Slovenia per crescere

daniele-Rugani-juventus-calcio-foto-pagina-ufficiale-fb-rugani.jpg

C’è ancora la Slovenia sul cammino dell’Italia under 21. Fatto insolito ma tutt’altro che finto, nel calendario del girone di qualificazione a Euro 2017 gli azzurrini di Luigi Di Biagio affronteranno nella loro seconda partita ufficiale la squadra già sfidata nell’esordio, ovvero quella Slovenia battuta per 1-0 (rigore di Federico Bernardeschi) a Reggio Emilia lo scorso settembre.

A Koper, dunque, l’Italia andrà a caccia della continuità, proseguendo nel percorso di crescita iniziato ad agosto e apparso, nella prima vera gara disputata, già a buon punto. Rispetto alla claudicante Nazionale che nel settembre 2013 sfidò Belgio (1-3) e Cipro (2-0), infatti, Monachello e compagni sembrano più pronti a livello di esperienza e da qui in avanti potranno solo migliorare ulteriormente, con sullo sfondo l’Europeo in Polonia purtroppo non qualificante per le Olimpiadi di Tokyo. A quello ci si penserà tra due anni, chissà poi se ancora con Di Biagio in panchina.

La realtà, adesso, parla di un girone agevole con ancora l’ostacolo Serbia come scoglio maggiore da superare. Conquistati i primi tre punti, domani contro la Slovenia (ore 18.30) e martedì 13 ottobre contro l’Irlanda (ore 17, a Vicenza) sulla carta se ne potranno ottenere altri sei, per issarsi subito in una posizione privilegiata nella corsa alla qualificazione. Non ci sarà Domenico Berardi, inizialmente convocato da Di Biagio, poi “rubato” dalla Nazionale maggiore di Antonio Conte ma sfortunatamente infortunato poco prima di Empoli-Sassuolo di domenica scorsa. Ci sarà eccome, invece, il numero 10 della Fiorentina capolista Federico Bernardeschi, che al momento il suo spazio lo sta trovando (con ottimi risultati) soprattutto in Europa League.

Il frizzante 4-3-3 del ct ex centrocampista di Roma e Inter aveva convinto al Mapei Stadium. Tante le possibili carte sulla fascia, da Boateng a Verre senza dimenticare ovviamente Bernardeschi e Berardi, grintoso e tecnico il centravanti Monachello, solido il centrocampo (in cui svetta il granata Benassi) e rodata la difesa, con Rugani e Romagnoli chiamati anche a riscattare i difficili momenti vissuti con Juventus e Milan. Quello di domani sarà un esame in più nel tragitto verso la laurea.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook ufficiale Daniele Rugani

Lascia un commento

Top