Boxe, Mondiali 2015: subito fuori Maietta e Cavallaro

Salvatore-Cavallaro-Boxe-Pagina-FB-FPI.jpg

Comincia malissimo l’avventura dell’Italia ai Mondiali di boxe a Doha. Strada sbarrata sin dai sedicesimi per il peso gallo Francesco Maietta ed il medio Salvatore Cavallaro.

Il primo a salire sul ring del Qatar è stato Maietta, opposto all’uzbeko Murodjon Akhmadaliev, medaglia d’argento agli ultimi Campionati asiatici. Un match a senso unico, dove l’azzurro ha subito l’iniziativa dell’avversario senza riuscire a trovare una strategia che potesse mutare l’inerzia dell’incontro. Unanime il verdetto dei giudici in favore del 20enne di Tashkent. “Maietta ha sofferto l’esordio in un palcoscenico del genere. E’ stato forse un po’ troppo timido, non riuscendo ad esprimere in pieno il suo enorme potenziale. Gli servirà per fare esperienza“, ha commentato il ct Raffaele Bergamasco alla FPI.

Se Maietta, in ogni caso, partiva contro i favori del pronostico, lo stesso non poteva dirsi per Cavallaro: il 20enne siciliano aveva già battuto nettamente nelle WSB l’americano Anthony Campbell. Il pugile a stelle e strisce, tuttavia, si è preso la rivincita.

Primo round nettamente a favore di Cavallaro, che lavora l’avversario al corpo, prima di piazzare un pregevole gancio destro a 15 secondi dalla campana. Nella seconda ripresa l’azzurro cala eccessivamente i ritmi. I suoi colpi diventano sporadici, non più continui come in precedenza. L’americano, tuttavia, non fa molto di più, anche se riesce a punire le avanzate dell’italiano con un preciso jab sinistro. Insomma, un round equilibratissimo, che i giudici attribuiscono a Campbell.

Si decide tutto nella terza e decisiva frazione. Cavallaro fatica a trovare la misura e subisce il jab destro dell’avversario. Reagisce e va a segno con un gancio destro, immediatamente replicato dall’americano. E’ una ripresa nervosa, bruttissima da vedere, con tanta foga e poca tecnica da parte di entrambi. Nessuno dei due porta a segno un colpo veramente pulito. La giuria assegna a Campbell anche questo round: lo statunitense si impone dunque per split decision (29-28, 27-30, 28-29).

Decisamente un avvio shock per l’Italia, soprattutto perché in Cavallaro erano riposte molte speranze, quanto meno per raggiungere i quarti di finale. Domani toccherà ai veterani Domenico Valentino e Vincenzo Picardi, mentre Vincenzo Mangiacapre entrerà in tabellone direttamente dagli ottavi.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@oasport.it

Foto: FPI

Lascia un commento

Top