Vuelta a España 2015: le pagelle della dodicesima tappa. Malissimo Degenkolb

10561793_904162542932853_3018307453451232259_n1.jpg

Dodicesima tappa alla Vuelta a España 2015: dopo una frazione carica di montagne, ne arriva una di relativa calma, conclusasi allo sprint sul traguardo di Lleida. A vincere è stato l’olandese Danny Van Poppel, grande deluso di giornata John Degenkolb. Andiamo a vedere le pagelle odierne.

Danny Van Poppel, voto 8: un successo praticamente annunciato da giorni. Vista la scarsa presenza di velocisti a questa Vuelta, l’olandese si ritrovava ad essere uno dei favoriti in volata e oggi ha fatto il suo dovere. Non uno sprint di pura forza, ma quel che basta per vincere la prima corsa in un grande giro, nonostante la giovanissima età (22 anni). Ne sentiremo sicuramente parlare in futuro, ma molto probabilmente anche nel presente.

Daryl Impey, voto 7,5: gran volata per il passista sudafricano della Orica GreenEdge che per poco non riesce a fare il colpo grosso. Parte a 200 metri dall’arrivo e si piazza in seconda posizione, scavalcato solo nelle ultime pedalate da Van Poppel. Forma in netta crescita.

Tosh Van Der Sande, voto 7,5: il più in forma di una Lotto Soudal arrivata a questa Vuelta davvero in scarse condizioni. Il belga, passista veloce, va a prendersi l’ennesimo piazzamento, centrando il podio in volata.

John Degenkolb, voto 4,5: il tedesco della Giant Alpecin non riesce a vincere. Gran lavoro per l’ennesima volta per la sua formazione, ma il capitano non riesce a finalizzare negli ultimi 200 metri. Rimane molto indietro e questa volta non riesce nemmeno la rimonta per il podio. Da rivedere in vista di Richmond.

Kristian Sbaragli, voto 6: dopo il capolavoro di tre giorni fa, arriva un’altra top-10 che sicuramente non lo soddisfa a pieno, viste le sue doti. Piccola discriminante il fatto che resta chiuso negli ultimi 500 metri.

Jaco Venter, Miguel Angel Rubiano, Maxime Bouet, Bert-Jan Lindeman, Alexis Gougeard, voto 8: come sempre, viva la fuga. Vanno all’attacco sin dalle prime pedalate e vengono ripresi a circa 200 metri dall’arrivo, dopo una tappa interamente condotta. Dispiace, ma questa volta il gruppo ha fatto i conti giusti.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: FB Degenkolb

Lascia un commento

Top