Vuelta a España 2015: 4 avversari tra Fabio Aru e Madrid

Quintana-Giro-Pagina-FB-Giro.jpg

Ad una settimana dalla fine della Vuelta, Fabio Aru veste la maglia rossa di leader della classifica generale. Impossibile, per lui e per i suoi tifosi, non sognare. Sono 4 gli avversari più importanti del sardo in ottica vittoria finale.

Partendo da Joaquim Rodriguez, che oggi si è riportato ad un secondo dalla Roja. Nonostante l’età ormai avanzata non ha mai vinto un grande giro. Che sia la volta buona? In salita va fortissimo, pur avendo perso un po’ dell’esplosività che lo aveva caratterizzato negli ultimi anni. È uscito dal Tour in netto crescendo e sta capitalizzando. Domani potrebbe essere la sua miglior occasione per allungare su tutti.

Cresce, e fa paura, anche Rafa Majka. Cresciuto alla corte di Alberto Contador è ormai pronto a giocarsi le proprie possibilità in una corsa di tre settimane. Fino ad ora si è comportato alla grande e per senza sussulti è salito fino al terzo posto in classifica. A crono non è fermo e potrebbe trarre vantaggio dai quasi 40 chilometri contro il tempo di Burgos.

Sembra in calando, anche secondo le attese, Tom Dumoulin. Dopo due settimane da uomo di classifica, arrivano le difficoltà attese. Eppure non crolla e resta lì, centellinandosi in salita per gestirsi al meglio e non esagerare mai. Però perde tempo e anche con la crono potrebbe non rientrare. Domani, per lui, dovrebbe essere il giorno della verità. È un ipotetico crollo, che lo porterebbe fuori classifica, non sarebbe una sorpresa.

Mai dare per morto, anche se fatica e non è al top, Nairo Quintana. Pur senza essere ancora il miglior Quintana, e nemmeno ci va vicino, il colombiano ha cambiato marcia rispetto a 3-4 giorni fa. Un attacco vero in salita potrebbe far saltare il banco e lo spazio c’è. Forse non è ancora pronto fisicamente, ma se dovesse trovare le giuste sensazioni potrebbe diventare un cliente pericolosissimo per tutti.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Pagina Facebook Giro d’Italia

Tag

Lascia un commento

Top