Volley, Coppa del Mondo – Italia, l’importanza della panchina: le seconde linee per tour de force e turn over

Luca-Vettori-Italia-Serbia-World-League.jpg

In precedenza abbiamo scritto dell’importanza di avere un sestetto titolare molto forte, fondamentale per sperare di fare lunga strada nella Coppa del Mondo di volley maschile e necessario per sconfiggere gli altri squadroni.

Il torneo, però, è un autentico tour de force: 11 partite in 15 giorni sono davvero micidiali, un cammino irto, complesso, dispendioso in termini di energia.

Proprio per questo motivo è egualmente importante avere una solida panchina per poter operare il turnover quando si affrontano squadre di cosiddetta seconda fascia.

Giappone, Egitto, Tunisia, Venezuela. Queste sono sicuramente quattro squadre contro l’Italia potrebbe operare del sano turnover. Qualcosa potrebbe anche essere rivisto contro l’Australia e contro l’Argentina (senza rischiare troppo, anzi). Anche il Canada sulla carta è una avversario ben gestibile ma rappresenterà il nostro esordio: staremo a vedere quali saranno le scelte.

 

L’Italia affronta l’incognita delle sue cosiddette seconde linee. La panchina profonda può essere anche un danno (e lo abbiamo visto agli ultimi Mondiali…).

Avremo addirittura due opposti di riserva: Luca Vettori e Giulio Sabbi. I problemi alla schiena del bomber di Modena hanno convinto Blengini a chiamare anche l’opposto di Macerata. Siamo ben coperti sotto questo punto di vista e possiamo contare sull’apporto di due uomini di primissima classe.

Il secondo di Giannelli in cabina di regia sarà Daniele Sottile. Uomo sì esperto ma da tanti anni fuori da certi contesti di gara.

Sul libero siamo ben coperti vista la grandissima esperienza di Rossini che ha già sentito il profumo azzurro in occasioni importantissime.

Il reparto dei centrali è quello probabilmente più scoperto, almeno sulla carta. La defezione di Emanuele Birarelli ha tolto qualche sicurezza, anche se il trio Piano/Buti/Anzani può ben interscambiarsi sfruttando. Certo solo tre uomini, vista la scelta di tagliare Mengozzi per un opposto: non sarà facile.

Di banda validissima la carta di Antonov mentre Massari dovrà alzare il proprio rendimento. Certo Juantorena e Lanza sulla carta sono di altra categoria.

 

Articoli correlati:

Coppa del Mondo 2015 – Programma, orari e tv: Italia a caccia delle Olimpiadi 2016

Coppa del Mondo 2015 – Tutto il regolamento e come ci si qualifica alle Olimpiadi 2016

Coppa del Mondo 2015 – Italia, i 14 azzurri per il Giappone: a caccia di Rio 2016

Coppa del Mondo 2015 – Italia, i 14 azzurri ai raggi X. Per volare alle Olimpiadi 2016

Coppa del Mondo 2015 – Calendario, orari e programma dell’Italia

Coppa del Mondo 2015 – Italia, la forza del sestetto titolare: da Zaytsev a Juantorena, squadra invidiabile

Coppa del Mondo 2015 – Italia, l’importanza della panchina: le seconde linee azzurre per tour de force e turn over

Coppa del Mondo 2015 – Italia, i momenti cruciali del calendario: dove stare attenti e tutte le svolte decisive

Coppa del Mondo 2015 – Italia, 4 difficoltà fuori campo tra fusorario, sfide a pranzo, tour de force

Lascia un commento

Top