Volley, Coppa del Mondo – Italia batte Egitto, tra sudore e fatica: le pagelle. Zaytsev stellare, fatica Giannelli, promosso Sottile

ItalysIvanZaytsevmostimpressiveplayerofthematchgetsamascot-1.jpg

L’Italia ha sconfitto con fatica l’Egitto nella terza giornata della Coppa del Mondo 2015 di volley maschile (clicca qui per la cronaca). Di seguito il consueto commento e le pagelle degli azzurri.

 

ITALIA: 6+. Apprezzabile la bella riscossa dopo un primo set malamente perso contro un avversario tutt’altro che trascendentale (anche se ha fatto vedere delle buone cose). Abbiamo sofferto troppo i ritmi lenti imposti dall’Egitto anche se bastava davvero fare poco per alzare la velocità di gioco e chiudere con meno patemi d’animo (come si è visto nel terzo e quarto parziale). Ottima la tenuta fisica anche se non è positivo lasciare un parziale per strada contro una formazione di seconda fascia.

Ricezione e difesa da registrare e rivedere, l’attacco non potrà appoggiare solo su un uomo quando si affronteranno dei big match. Per il momento basta così visto che si sbriga la pratica, si infila la terza vittoria consecutiva sfruttando un calendario d’esordio molto morbido e ora guardiamo con fiducia agli USA.

 

IVAN ZAYTSEV: 8. Si prende l’Italia sulle spalle e la conduce a una complessa vittoria in un match ostico quanto non ti aspetti, meritandosi ampiamente il peluchino da MVP (dopo Juantorena e Giannelli arriva anche il suo turno). Sale in cattedra nel corso del secondo set e da quel momento non smetterà più di bombardare. Sottile fiuta il momento positivo dello Zar, lo imbecca di continuo, lui si diverte a martellare l’Egitto e a regalarci il terzo successo in Coppa del Mondo: 24 punti (2 muri, 2 aces), 67% in attacco, onnipresente. Dopo aver levato le castagne dal fuoco contro il Canada ci pensa nuovamente lui.

 

DANIELE SOTTILE: 7. Una prova encomiabile e tutta d’esperienza. Si fa trovare pronto non appena è stato chiamato in causa per sostituire uno spento Giannelli. Il suo ingresso cambia l’andamento dell’incontro, il palleggiatore non si sente a disagio nel ritmo blando imposto dagli egiziani e smista bene il gioco. Che significa insistere su uno scatenato Zaytsev e servire poi Lanza e Juantorena quando hanno il punto sicuro in tasca. A 36 anni, dopo praticamente una vita fuori dal giro della Nazionale, trova la sua occasione di riscatto in un match davvero fondamentale.

MATTEO PIANO e SIMONE ANZANI: 7. La coppia centrale che si è formata dopo l’uscita di Buti ha giocato davvero bene, sfruttando molto anche dei primi tempi di successo e facendosi sentire a muro. È soprattutto Teo a incidere maggiormente con le sue 4 stampatone (8 punti complessivi) mentre il subentrato va a referto con 4 punti e una prova di tutta sostanza.

 

FILIPPO LANZA: 6. Troppi errori al servizio e anche in attacco commette qualche leggerezza di troppo, ma si fa apprezzare in ricezione e in fase offensiva risolve parecchie situazioni complesse. Una partita sostanzialmente positiva in un contesto alla portata che gli frutta 12 punti.

OSMANY JUANTORENA: 6. La media tra i primi due set davvero disastrosi per il suo potenziale e gli altri due parziali in cui si è rialzato lentamente, sfruttando la stanchezza degli egiziani. Paga la verve degli avversari accusando il colpo in ricezione, in attacco ne esce poi bene e nel finale è praticamente perfetto: 15 punti per la Pantera che sarà molto più utile in futuro. Attenzione però a quel ginocchio…

MASSIMO COLACI: 6+. Nel primo set va in difficoltà insieme a tutta la squadra, poi alza lentamente il proprio rendimento e si sente: quando le sue braccia si fanno più solide l’Italia inizierà a giocare meglio, a costruire bene delle fasi offensive.

 

SIMONE BUTI: 5. Il capitano non riesce a incidere, si vede scivolare di mano il primo set e non è capace di dare una scossa ai suoi compagni. Verrà sostituito nel corso del secondo set: rimandato.

SIMONE GIANNELLI: 4,5. Dopo la superlativa partita esibita contro l’Australia il nostro palleggiatore si incarta nelle sue stesse mani, faticando a mantenere quella varietà di gioco che lo contraddistingue. Fa costantemente in difficoltà, è troppo leggibile per gli egiziani e non riesce a proporre ottimi palloni ai compagni. Verrà giustamente sostituito a metà del secondo set.

IACOPO MASSARI: S.V. Subentra negli scambi conclusivi di terzo e quarto parziale.

OLEG ANTONOV: S.V. Debutto in Coppa del Mondo nel corso del finale di quarto set.

Non entrati: SALVATORE ROSSINI, GIULIO SABBI, LUCA VETTORI.

 

Articoli correlati:

Coppa del Mondo 2015 – Italia, quanta fatica contro l’Egitto! Terza vittoria senza turnover, incanta Zaytsev

Coppa del Mondo 2015 – Italia batte Egitto: le pagelle, tra sudore e fatica. Zaytsev stellare, male Giannelli

Lascia un commento

Top