Tuffi dalle grandi altezze: 2015 di crescita per De Rose. Popolarità in aumento

Alessandro-De-Rose-tuffi-grandi-altezze-foto-fb-redbull.jpg

Non ci si potevano attendere medaglie dal 2015 di Alessandro De Rose, l’unico tuffatore dalle grandi altezze italiano e tra i più giovani dell’intero movimento internazionale. Il cosentino che vive e si allena a Trieste (dovendo spesso ricorrere all’Austria per simulare i tuffi da 27 metri) è stato infatti protagonista di una stagione in linea con le previsioni, un anno composto da sole quattro gare – tra cui l’esordio mondiale a Kazan – e con risultati costantemente in crescita. Mesi più che sufficienti, dunque, in cui l’azzurro ha lavorato con buoni esiti anche sulla propria popolarità e sullo sviluppo del suo amato sport.

Assente all’esordio in Colombia – un leggero infortunio e il desiderio di seguire i propri atleti ai Campionati Italiani di categoria in casa hanno impedito a De Rose di prendere parte alle selezioni per i posti fissi delle World Series Red Bull – il tuffatore italiano ha perciò iniziato il 2015 a maggio in quel di Cozumel, Messico, con la sua seconda partecipazione in Coppa del Mondo dopo quella dell’agosto 2014 a Kazan. Buono il suo 16esimo posto finale, con un miglior punteggio dopo la quarta rotazione (330.05 a 328.95) rispetto a quello ottenuto in terra russa. Un primo, minimo, passo in avanti nonostante due decimi di coefficiente persi in seguito a un cambio nel programma dei tuffi.

Con il piazzamento in Coppa del Mondo De Rose ha strappato il biglietto per l’appuntamento più importante dell’anno, il Mondiale Fina disputato a Kazan la settimana successiva alle gare in piscina che hanno incoronato Tania Cagnotto per la prima volta in carriera campionessa iridata da 1 metro. Nei tuffi dalle grandi altezze ancora non si vedono i cinesi ma, se proprio si vuole creare un paragone, è stato il britannico Gary Hunt il grande cannibale della stagione: oro in Russia e bis nella classifica generale delle World Series Red Bull con sei vittorie in otto tappe. A Kazan il cosentino ha dato il meglio di sé, pareggiando il 16esimo posto della Coppa del Mondo ma con un progresso di quasi trenta punti (358.95 a 330.05) al netto degli stessi quattro tuffi di maggio.

Inoltre, durante la tre giorni iridata, Alessandro De Rose è rimbalzato su tutte le pagine dei giornali e su molti servizi televisivi sia per le emozioni del suo sport – molto apprezzato dal pubblico generalista, che non segue quotidianamente i tuffi ma che è rimasto affascinato dal coefficiente estremo, dai magnifici panorami e dallo show firmato Red Bull – che per la sua storia tutta particolare, raccontata anche in questa intervista. Una storia di sport come riscatto di vita, una storia diversa dalle altre di un ragazzo solare e determinato, che si divide tra il ruolo di allenatore (dei tuffi tradizionali) e atleta, e di cui ogni tatuaggio racconta un pezzo. Adesso la sua pagina ufficiale su Facebook, nata proprio nei primi giorni di agosto, conta quasi 3000 like e non mancano interazioni con il pubblico e curiosi dietro le quinte di allenamento.

Infine a settembre De Rose ha partecipato, grazie a una delle quattro wild card messe a disposizione dalla Red Bull a ogni tappa, alle due gare conclusive del circuito delle World Series, disputate a Polignano a Mare e Bilbao (Spagna). Un gradito ritorno nel “suo” Sud Italia, dunque, e la seconda partecipazione consecutiva alla tappa basca andata in scena con la magia del Guggenheim Museum sullo sfondo. Enorme è stata la risposta del pubblico pugliese, che ha acclamato Alessandro – undicesimo in classifica – forte di oltre 50 mila spettatori giunti nella suggestiva location dei faraglioni baresi. Una grande giornata per i tuffi italiani purtroppo snobbata dalla Fin, che ancora non riconosce l’high diving come disciplina ufficiale e, dunque, non permette lo sviluppo di un vero e proprio movimento alle spalle di De Rose.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Red Bull Cliff Diving

Lascia un commento

Top