Tennis, US Open 2015: la finale Pennetta-Vinci in diretta in chiaro su Deejay TV

Vinci-Pennetta-libera-Supertennis.jpg

La storica finale degli US Open 2015 tra Flavia Pennetta e Roberta Vinci andrà in scena questa sera alle 21.00 a New York e, a sorpresa, sarà visibile anche in chiaro per tutti gli appassionati di tennis.

Sarà Deejay TV (canale 9 del digitale terrestre) a trasmettere un evento epocale per tutto lo sport italiano. La partita, inoltre, sarà visibile come sempre anche su Eurosport (canale 210 su Sky, 372 su Mediaset Premium).

Non resta che augurarvi una buona visione.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pagina FB Supertennis

9 thoughts on “Tennis, US Open 2015: la finale Pennetta-Vinci in diretta in chiaro su Deejay TV”

  1. Luca46 scrive:

    La partita la doveva trasmettere la tv di stato. Ripeto tramite anche intervento del governo. Poi se DeeJay Tv l’ha trasmessa tramite l’ausilio di chicchessia bravi loro. Resta una grossa mancanza dello stato.

  2. Al scrive:

    L’azienda Radio Deejay è guidata da un vero sportivo come Linus: bravo!
    Sarei curioso di sapere quanto pubblico ha avuto, e la media dell’emittente.

    Per Alessandro: gruppo Espresso, quindi De Benedetti, quindi non escluderei una chiamata di Renzi, ché con la RAI non avrebbero fatto in tempo.

    1. ale sandro scrive:

      Ah grazie Al, capito l’antifona… leggendo da altre parti ho notato come Deejay Tv sia legata a Eurosport ,quindi mi rendo conto come sia stato forse automatico in un certo senso far vedere la finale delle azzurre, Per esempio oggi invece niente Djokovic-Federer, e credo sia una logica strategia commerciale, ma almeno un certo interesse nazionale è stato soddisfatto. Curioso anche io di vedere i risultati degli ascolti, di sabato sera col caldo che fa ancora da tante parti almeno. In ogni caso quando chi dirige è appassionato di qualcosa, si nota subito questo interesse e una certa cura o lungimiranza nelle scelte editoriali e di palinsesto.
      Il mio accenno/battuta alla Rai, che ringrazierò sempre (oltre a Telemontecarlo e soprattutto Koper Capodistria, se devo essere sincero) per avermi fatto scoprire decenni fa un sacco di sport, difficilmente visibili altrove, è però riferito al “non fermarsi”.
      Un emittente così importante (piaccia o no è così) per il nostro paese, in due settimane si vede sfuggire ,con l’Italia protagonista nell’ordine: Vuelta Espana di ciclismo con la quasi vittoria di Aru, U.S. Open di tennis con due azzurre almeno da far vedere dai quarti o dalle semifinali, gli Europei di basket con insquadra 4 NBA (molto apprezzata da noi), la World Cup di pallavolo maschile. Diciamo che potevano fare meglio, ecco.

      1. Al scrive:

        Sono d’accordo.
        In realtà se li lascia sfuggire tutti, perché l’idea è competere su calcio e Formula 1, per il resto si prendono gli scarti di Sky e/o quello che arriva senza competizione (campionati italiani, eventi locali etc). Sky, essendo una multinazionale, può investire cifre maggiori: per strapparle la Champions League Mediaset si è dovuta svenare, la RAI non avrebbe potuto neanche volendo.
        Il problema è a monte. Bisogna promuovere in Italia una cultura dello sport non come disciplina (il calcio, la F1…) ma come passatempo quotidiani, per cui ne pratico uno o due ma li seguo un po’ tutti. Così, tutti gli sport farebbero i numeri che giustificano un investimento della RAI, ma questa sarebbe la cosa meno importante: i nostri giovani, il commercio, la sanità, tutto trarrebbe un grosso beneficio.
        Purtroppo dircele tra noi queste cose è inutile, le sappiamo benissimo. Devono svegliarsi a livello governativo.
        Io dico che la chiave di volta è dare un preciso valore scolastico alla pratica di una qualsiasi disciplina agonistica riconosciuta dal CONI.

  3. MARIO82 scrive:

    La Rai trasmette tantissimi eventi sportivi ogni anno che altrimenti in chiaro non sarebbero visibili a nessuno , e’ ovvio che non possono fare tutto loro e non mi sembra giusto dargli addosso così.

    1. Luca46 scrive:

      Dargli addosso no. Anche perché non è vero che si occupano solo di calcio, anzi. Però una critica si. Nel senso che anche attraverso il governo, in un momento difficile del paese mostrare un evento di cui essere orgogliosi era per me doveroso. Se non la Rai doveva prendere in mano la faccenda direttamente Renzi o chi per lui. È un evento che farà parte della storia del paese, non solo sportiva.

  4. dario.ghiri scrive:

    Un evento storico per l’Italia come questo che non viene trasmesso dalla RAI ?
    Che vergogna ! Se dobbiamo essere fieri dello sport italiano non è certo grazie alla RAI che si occupa solo di calcio e dell’incasso del canone.
    Complimenti Deejay TV, avete fatto un bel colpo.

  5. Luca46 scrive:

    Perfettamente daccordo. Questo è un momento storico per lo sport italiano la Rai doveva fare qualcosa.

  6. ale sandro scrive:

    Noto che Deejay Tv sta mandando diversi eventi negli ultimi tempi, appartengono al gruppo Rcs? In ogni caso complimenti per il colpo, ci fossero state pure le semifinali facevano bingo, comunque bene così. In conclusione mi permetto un “W LA RAI”.

Lascia un commento

Top