Sci alpino: la squadra azzurra al lavoro tra ghiacciai e Sud America

innerhofer.jpg

La preparazione delle nazionali di sci alpino verso l’inverno sta vivendo la sua fase cruciale: tra agosto e settembre, infatti, quasi tutte le squadre – e l’Italia non fa eccezione – volano in Sud America o in Oceania sfruttando l’inverno australe e di conseguenza gli impianti sciistici di questi due continenti per tornare ad assaggiare la neve.

Non mancano neppure le sessioni sui sempre più ridotti ghiacciai alpini, quest’anno messi a durissima prova dal violento caldo di luglio e agosto che ha mantenuto lo zero termico spesso sopra ai 4500 metri: in ogni caso, la squadra azzurra sta proseguendo nel suo lavoro che, a giudicare dalle dichiarazioni dei tecnici, appare molto soddisfacente. Come riporta Raceskimagazine, infatti, il nuovo responsabile delle discipline tecniche femminili Gianluca Rulfi si dice “contento per il livello atletico delle ragazze, in particolare di quelle più esperte“, rimarcando come non manchino “né motivazioni, né potenzialità per fare molto bene” . Dichiarazioni in sintonia con quelle rilasciate da Max Carca, responsabile della squadra maschile, al sito Fisi, che abbiamo ripreso in questo articolo.

Nel dettaglio, il gruppo maschile di gigante è appena rientrato dall’Argentina, mentre gli slalomisti Stefano Gross, Giuliano Razzoli e Patrick Thaler sono al lavoro a Saas Fee: Roberto Nani ha invece svolto una preparazione personalizzata in Nuova Zelanda, prendendo parte anche a quattro gare di slalom speciale dell’Australian New Zealand Cup con un terzo posto a Perisher come miglior risultato. La scelta del livignasco di gareggiare nonostante la febbre che lo ha attanagliato per diversi giorni è dovuta alla necessità di abbassare il punteggio Fis per avere numeri di partenza migliori anche tra i rapid gates e non solo tra le porte larghe del gigante. La squadra maschile di velocità invece al lavoro a La Parva, in Cile, dopo un primo stage a Valle Nevado.

Per quanto riguarda le ragazze, un folto gruppo di gigantiste, supergigantiste e discesiste è partito due giorni fa alla volta di Ushuaia, la splendida località della Fin del Mundo: qui, agli ordini di Alberto Ghezze e di Gianluca Rulfi, si svolgerà uno stage di ben tre settimane che dovrebbe culminare con la disputa, per alcune atlete, delle finali di South American Cup. Le slalomiste Chiara Costazza, Irene Curtoni, Nicole Agnelli, Federica Sosio e Manuela Moelgg si stanno invece allenando al Passo dello Stelvio con i tecnici Angelo Weiss e Luca Liore.

La Coppa del Mondo scatterà come da tradizione tra il 24 e il 25 ottobre a Sölden, dove in questi giorni è arrivata la prima neve stagionale.

Per restare aggiornato sul mondo della montagna, visita La GrandeNeve, anche su Facebook

foto: credit Fisi

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@oasport

 

Lascia un commento

Top