Rugby|Verso la World Cup: lo stato di forma delle “Big”

All-Balcks_rugby_Nuova-Zelanda.jpg

Quando mancano poco meno di tre settimane al via dell’ottava edizione della Coppa del Mondo di rugby, è il momento di capire come stanno le squadre che ambiscono alla vittoria finale della William Webb Ellis Cup.

Nuova Zelanda: ha appena diramato la lista dei suoi 31 convocati per la kermesse inglese, e non sono mancate sorprese nell’elenco, ma il ruolo di favorita tocca una volta di più agli All Blacks che devono sfatare il tabù dell’affermazione planetaria lontano da casa.

Sudafrica: gli Springboks hanno vissuto un’estate tormentata, fra infortuni, risultati negativi (l’ultimo posto nel Championship) ed ora l’esplosione della questione convocati e delle “quote nere”. Non il modo migliore per avvicinarsi al torneo.

Australia: la guida della squadra sembra essere finalmente salda e decisa ed anche la rosa che Cheika dovrebbe portare al Mondiale, sembra finalmente ricalcare un progetto tattico ben definito.

Inghilterra: i padroni di casa sono stati inseriti nel “Girone della Morte”, proprio con Australia ed il Galles, e questo non sembra essere certamente un vantaggio. Lancaster fiuta per il suo gruppo, invece, la chance di una vita andando a caccia del secondo titolo iridato della storia inglese davanti al proprio pubblico, che però potrebbe anche caricare di troppa pressione i giocatori.

Irlanda: mai come in quest’anno ha espresso un rugby di così alto livello ed il ranking mondiale (3° posto) è lì a testimoniarlo. i “Verdi” vivono la loro miglior stagione poichè hanno un gruppo con giovani e rampanti trequarti a cui fanno da contraltare gli esperti avanti, in tanti all’ultima recita con la nazionale. E poi il sogno di una doppietta Sei Nazioni-Coppa del Mondo….

Galles: una partenza a rilento o faticosa, cosa che agli uomini di Gatland è a volte accaduta in questi anni nel Sei Nazioni, potrebbe in questo caso essere molto deleteria. Da Cardiff e dintorni molti tifosi andranno a sostenere i dragoni, che puntano a migliorare il 4° posto del 2011.

Francia: gli imprevedibili Bleus sono capaci di tutto. Nel girone eliminatorio saranno probabilmente quelli su cui la squadra italiana dovrà provare a fare la corsa per sperare in un proibitivo passaggio ai quarti di finale. Nelle sfide da “Dentro o Fuori”, per le altre compagini, è meglio non averci a che fare, per informazioni chiedete alla Nuova Zelanda.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: All Blacks Official Page

Tag

Lascia un commento

Top