Rugby: Italia 10-32 Francia, le pagelle. Sufficienze per pochi. Ghiraldini il migliore

1888711_761060997238271_1620696222_n.jpg

Con il risultato di 10-32 l’Italia è stata sconfitta nel suo esordio mondiale dalla Francia. Ecco quali sono i voto degli azzurri al termine di questa sfida:

15 Luke MCLEAN, voto 6: l’estremo è ordinato e porta a casa sempre e comunque la sufficienza.

14 Leonardo SARTO, voto 6: non si può dire che con le sue corse non provi a smuovere l’attacco azzurro, ma i suoi tentativi non hanno un esito brillante.

13 Michele CAMPAGNARO, voto 5: il giovane ammirato nel Sei Nazioni 2014 è ormai un ricordo lontano. Partita assai incolore del centro.

12 Andrea MASI, sv: che sfortuna per l’aquilano. Il suo Mondiale potrebbe addirittura essere già finito.

11 Giovanbattista VENDITTI, voto 6: ha il merito di marcare l’unica meta italiana dell’incontro, Poi nulla di più.

10 Tommaso ALLAN, voto 6.5: sbaglia un calcio piazzabile in avvio di gara, ma poi si rifa nuovamente dalla piazzola. Non si risparmia in difesa e dispensa qualche buona idea in attacco.

9 Edoardo GORI, voto 5: lento, impacciato ed impreciso. Una serata da dimenticare per il toscano.

8 Samuela VUNISA, voto 5: pensare di sostituire Parisse è impensabile. Lui prova a mettere in campo le sue armi, ma il dirimpettaio Picamoles lo annichilisce nel confronto diretto.

7 Francesco MINTO, voto 4.5: fa poco e pure in maniera indisciplinata. In netta involuzione.

6 Alessandro ZANNI, voto 5: dovrebbe ergersi a leader delle terze linee, ma non lo fa. Finisce nel tritacarne francese senza riuscire ad invertire la rotta

5 Joshua FURNO, voto 6.5: comanda la touche con padronanza e si rivela uno dei più positivi in campo. Combattente

4 Quintin GELDENHUYS, voto 6: si affida a Furno e fa bene. Senza infamia e senza lode.

3 Martin CASTROGIOVANNI, voto 4,5: sembra un dilettante in mischia chiusa. Si fa dominare commettendo una serie di infrazioni più e più volte punite dall’arbitro.

2 Leonardo GHIRALDINI, voto 7: è il migliore in assoluto degli italiani in campo. I gradi di capitano gli danno una spinta per ergersi a leader di una squadra che però non lo segue. Peccato.

1 Matias AGUERO, voto 4.5: stesso discorso fatto per Castrogiovanni. Va bene, il pack transalpino è uno dei più forti al mondo, ma lui non è alla prima esperienza internazionale. Fuori ritmo.

 

16 Andrea MANICI, voto 6: rilevare Ghirladini non è facile. Lui lo fa con le sue armi trovando anche qualche buona penetrazione.

17 Michele RIZZO, voto 6: si dimostra pronto nel momento del bisogno, anzi. Il suo ingresso potrebbe essere stato tardivo.

18 Lorenzo CITTADINI, voto 6: anche per lui vale ciò che è stato detto per Rizzo. Buona la vigoria fisica del bresciano.

19 Valerio BERNABO’, sv: troppo poco il minutaggio concessogli oggi per un giudizio.

20 Simone FAVARO, voto 6.5: meno male che non doveva essere portato ai Mondiali. Entra e placca tutto il possibile con una grinta fuori dal normale. Reclama spazio e ne ha ben donde.

21 Guglielmo PALAZZANI, voto 6: non è trascendentale, ma la concorrenza (vedasi Gori) latita. Che nella prossima gara sia il suo turno da titolare?

22 Carlo CANNA, sv: ci sarà spazio per la giovane apertura nelle prossime due sfide.

23 Enrico BACCHIN, voto 4.5: è vero che entra a freddo ed inaspettatamente al posto di un totem come Masi, ma non azzeccare un elevato numero di placcaggi non può che farlo finire dietro la lavagna.
Jacques BRUNEL, voto 4: la partita non è trascendentale e lui ha il torto di non riuscire a leggerla chiedendo ai suoi di cambiare ritmo. Ritarda i cambi e probabilmente sbaglia qualche pedina nel XV iniziale. Inoltre in tutto questo periodo di preparazione sembra non aver dedicato dei focus all’aspetto della disciplina, il che sarebbe gravissimo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Fotosportit/FIR

Tag

Lascia un commento

Top