Red Bull Cliff Diving, World Series 2015: Hunt e Simpson si confermano imbattibili con il trionfo di Polignano a Mare

Red-Bull-cliff-diving-Polignano-a-Mare-2015-tuffi-grandi-altezze-foto-dean-treml-pagina-fb-red-bull-cliff-diving.jpg

A Polignano a Mare ci si tuffa (quasi) dal cielo. Il sito ufficiale della Red Bull paragona la località barese alla Mecca dell’high diving, il pubblico pugliese risponde con una partecipazione di 50 mila persone in una domenica pomeriggio ancora dal sapore d’estate. E’ tutto perfetto per i voli degli angeli, 14 uomini e 8 donne come protagonisti delle World Series 2015 che si concluderanno a fine mese a Bilbao. Tutto, però, è già deciso.

Sono Gary Hunt e Rachelle Simpson i più forti atleti del circuito. Ed è una sentenza che ormai suona come una conferma, perché il britannico e la statunitense hanno vinto anche l’oro mondiale a Kazan 2015 lo scorso agosto e si erano imposti anche nella classifica generale dell’edizione 2014. Un doppio back-to-back, dunque, suggellato dai successi odierni nel delirio di Polignano a Mare, che sostiene anche e soprattutto l’italiano Alessandro De Rose, eliminato prima della finale nell’arduo testa-a-testa con Hunt. Il cosentino è anche vittima di un inconveniente con la giuria: autore di una buona verticale, il suo tuffo viene prima dichiarato nullo e solo successivamente convalidato con tanto di “Non è vero Claudio, non è vero!” urlato in mondovisione. Non era giunta la comunicazione del suo cambio di programma.

Finale che premia proprio Gary Hunt: con anche due 10 l’angelo di Southampton coglie il sesto trionfo su sette tappe stagionali. Un 2015 perfetto per lui, “macchiato” solo dalla vittoria di Jonathan Paredes a Mostar nella gara di Ferragosto. L’inglese vola a 548.20 punti e, nella classifica generale, diventa imprendibile con 1290 lunghezze. Secondo il veterano colombiano Orlando Duque (480.30), terzo proprio l’emergente Paredes (477.85) che pare destinato a un grande futuro. Tra le donne tutto si decide in volata: la spunta Rachelle Simpson, che approfitta di un grave errore della connazionale Cesilie Carlton e si impone sia nella tappa di Polignano (241.60 punti) che nella classifica complessiva (490).

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Dean Treml/pagina Facebook Red Bull Cliff Diving

Lascia un commento

Top