Pallanuoto, Francesco Coppoli in esclusiva: “Sport Management ha ambizioni importanti. Sogno Rio 2016”

sfaf.png

26 anni, nato a Firenze e per diverse stagioni colonna portante proprio della squadra di pallanuoto del capoluogo toscano, la RN Florentia. Vista la grande ascesa della sua carriera è stato quasi costretto al cambio di calottina, sposando il progetto Sport Management. Stiamo parlando di Francesco Coppoli, difensore più volte chiamato in causa da Sandro Campagna per il Settebello. OA Sport lo ha intervistato in esclusiva.

Dopo tanti anni hai dovuto dire addio alla “tua” Florentia, con quale stato d’animo?

“Lasciare la Florentia è stata una decisione molto difficile e sofferta. Sono molto legato sia all’allenatore, sia ai compagni di squadra. Però se tornassi indietro non cambierei la mia decisione”.

La Sport Management si sta rivelando nuova realtà della pallanuoto italiana, cosa ne pensi del progetto della tua nuova compagine?

“La Sport Management, da questo mese che ne faccio parte, mi è sembrata una società molto seria e con ambizioni importanti. Un progetto che nel giro di pochi anni può portare molte soddisfazioni, ne sono sicuro”.

La stagione è iniziata alla grande, subito passato il primo turno di Champions a Malta: sensazioni positive?

“Sì, siamo passati come primi nel girone. Siamo un gruppo completamente nuovo, quindi ci vorrà del tempo per trovare il nostro gioco, ma stiamo migliorando ogni giorno che passa”.

Quali sono gli obiettivi per questa stagione con il club: visto il gran mercato ambite già a lottare con Brescia e Pro Recco? E in Europa?

“La società ha fatto un bel mercato. Sono arrivati undici nuovi giocatori. L’obiettivo è quello di far bene sia in campionato che nelle coppe, e chissà, magari riuscire a dare fastidio al Super Recco e al Brescia. In Europa aspetto con ansia il sorteggio del prossimo turno”.

Passiamo a parlare di nazionale: avrai sicuramente seguito il Mondiale di Kazan. Il tuo punto di vista sulle prestazioni del Settebello?

“Per quanto riguarda il 7Bello, ovviamente ho seguito le partite di Kazan. Penso che Campagna stia facendo un bellissimo lavoro, introducendo sempre più giovani nella squadra. Sono sicuro che il suo lavoro porterà grandi soddisfazioni anche negli anni successivi”.

Sandro Campagna ti ha già più volte convocato per raduni e partite con lacalottina azzurra, ma è mancata la chiamata in competizioni importanti: arriverà l’anno prossimo?

“Sì, ci sono tanti giocatori forti, quindi ci sta di essere rimasto fuori in questi due anni. Spero, anche grazie al passaggio alla Sport Management, di migliorare e di fargli cambiare idea già da quest’anno”.

Ci pensi spesso alle Olimpiadi di Rio? Obiettivo possibile o solo un sogno?

“Sì, ci penso spesso, è il sogno di tutti gli sportivi… In questo momento lo ritengo un traguardo molto lontano ma non irraggiungibile. Spero di avere la possibilità di giocarmi le mie carte durante l’anno”.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui per mettere “Mi piace” a Pallanuoto Italia

gianluca.bruno@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top