Nuoto: Katie Ledecky osa l’impossibile! A Rio 2016 anche i 100 sl e i 400 misti

Katie-Ledecky-nuoto-foto-facebook-fina-dpm.jpg

Per Katie Ledecky, 18 anni, sono terminati gli aggettivi. Il modo più semplice per definirla è sottolineare come la sua impresa ai Mondiali di Kazan – oro nei 200, 400, 800, 1500 stile libero e nella 4×200 sl – fosse semplicemente disumana. Lei invece l’ha realizzata in (apparente) scioltezza, “rischiando” solo nei 200 in cui l’italiana Federica Pellegrini è salita sul podio per la sesta volta di fila dal 2005. La campionessa del momento e la campionessa eterna, ma questa è un’altra storia.

Ledecky, dopo un’estate da star, è tornata ad allenarsi. E, con Rio 2016 all’orizzonte, vuole ancora di più. Oserà fino all’estremo, per entrare ancora di più nella leggenda. Come Ulisse, proverà a spingersi ben oltre le colonne d’Ercole dello sport contemporaneo. Possederà virtute e canoscenza? Lo scopriremo presto. Perché il suo obiettivo è davvero mostruoso: i 100 stile libero al posto dei 1500 (solo perché non presenti nel programma olimpico) e, soprattutto, i 400 misti.

Lo rivela swimvortex.com, sito di riferimento statunitense curato da Craig Lord. Katie Ledecky dovrebbe inserire proprio queste nuove specialità nel suo programma gare per i Trials olimpici in programma a Omaha (Nebraska) dal 26 giugno al 3 luglio. “Ho già parlato con il mio tecnico Bruce Gemmell. Di certo farò i 100 sl, è una buona opportunità. I 400 misti? Sono all’inizio e io non ho altre gare quel giorno…“, ha dichiarato a Us Tv. Insaziabile, sulle orme dell’australiana Shane Gold (bronzo nei 100 sl, oro nei 200 sl, 400 sl e 200 misti e argento negli 800 sl a Monaco 1972).

Intanto gli addetti ai lavori già si interrogano sulle reali possibilità di riuscita del progetto. Dopo il poker iridato 200-400-800-1500, quello olimpico con i 100 al posto del mezzofondo risulterebbe ancora più incredibile. Difficile, forse impossibile, ma di certo sarà un ottimo test in vista della 4×100 sl in cui gli Usa tenteranno l’assalto all’Australia delle sorelle Campbell. E, quanto alla suggestione misti, il direttore tecnico della nazionale a stelle e strisce, Frank Busch, ha dichiarato al New York Times: “Mi piacerebbe vederla nuotare i 400 misti o i 200 farfalla perché li potrebbe fare molto bene“. “Potrebbero essere un buon allenamento per le gare più lunghe“, il commento di Gemmell. Il personale di Katie Ledecky nei 400 misti è di 4’41”70: per sognare il podio bisognerebbe togliere almeno dieci secondi in un anno.

Intanto, la sua partecipazione alla tappa di Coppa del Mondo di Pechino (in programma a fine mese) è ancora in forse. E’ stata invitata, ma scioglierà le sue riserve in questa settimana. Mentre il nuoto di fondo è un discorso chiuso ancor prima che possa iniziare: “Non sono interessate alle acque libere“.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Fina/DeepBlueMedia

Tag

Lascia un commento

Top