MotoGP, GP San Marino 2015: il duello Rossi–Lorenzo si trasferisce a Misano

Valentino-Rossi-Assen-FOTOCATTAGNI-2.jpg

L’attesa è già spasmodica. Mancano cinque giorni al semaforo verde del GP “TIM” di San Marino e Riviera di Rimini 2015 ma, dopo la vittoria di Valentino Rossi a Silverstone che ha spinto Jorge Lorenzo a 12 punti dal Dottore con sei gare ancora in programma, tutti i tifosi della MotoGP – ed in particolare dell’ex Valentinik – sono anzitempo proiettati anima e corpo verso il tracciato romagnolo. Presentato addirittura all’Expo, il GP di San Marino e Riviera di Rimini ha fatto registrare una prevendita record di tagliandi, si aspettano oltre centomila tifosi. Non c’era bisogno di “pubblicità” per far accorrere gli amanti del motorsport a Misano Adriatico, poiché il podio 100% tricolore di Silverstone e il nuovo allungo in classifica generale di Rossi hanno tirato alla grande la volata alla vendita dei biglietti per il GP che andrà in scena sul circuito intitolato all’indimenticato Marco Simoncelli. Le tribune sono esaurite addirittura da maggio e gli organizzatori si sono dovuti inventare nuovi spazi: ecco così nascere altre quattro tribune che faranno sfondare abbondantemente il muro delle centomila presenze in tutto il weekend. Solo nella zona dedicata al Fans Club di Valentino Rossi, alla curva Bruttapela, i numeri fanno impressione: dai 3500 posti di un anno fa si arriverà a sfiorare quota diecimila!
Questo sarà il nono anno consecutivo in cui il Misano World Circuit ospiterà il GP di San Marino e della Riviera di Rimini, esso ha ospitato il GP in dieci occasioni negli anni tra il 1980 e il 1993 ma non vi si è corso per i successivi tredici anni in seguito all’incidente che pose fine alla carriera del grande Wayne Rainey nel 1993.

La lotta al titolo della classe regina è dunque più viva che mai, con l’ago della bilancia che oscilla tra i compagni di squadra della Movistar Yamaha. Dal 2007, proprio la Casa dei tre diapason è il costruttore di maggiore successo in MotoGP a Misano, con 6 vittorie; Ducati (Stoner) e Honda (Pedrosa) hanno invece ottenuto una vittoria a testa. Nel nuovo corso del Gran Premio, il pilota che ha raccolto di più finora è stato Jorge Lorenzo, con quattro vittorie, in 250cc nel 2007 e in MotoGP nel triennio 2011-2013, seguito dal suo incubo ricorrente e compagno di squadra, Valentino Rossi, trionfatore in tre occasioni sulla pista di casa.
Con la caduta di Silverstone, Marc Marquez ha visto svanire pressoché tutte le speranze di difesa della sua corona iridata, sebbene possa ancora giocare un ruolo determinante nell’assegnazione del titolo 2015. Il campione in carica si trova ora a 77 punti da Rossi e Misano è uno dei tre circuiti, insieme a Motegi e Phillip Island, su cui il fenomeno spagnolo non ha ancora conquistato una vittoria nella classe MotoGP.

Uno sguardo agli altri italiani presenti nella top ten della classifica iridata.
Andrea Dovizioso si presenta a Misano forte del suo quinto podio stagionale conquistato a Silverstone. Il forlivese non ha mai concluso fra i primi tre a Misano, riuscendo però a tagliare il traguardo in quarta posizione in quattro occasioni. L’altro ducatista Andrea Iannone può invece vantare due piazze d’onore quando militava in Moto2 (2011 e 2012). Grande curiosità per Danilo Petrucci, infine, dopo l’impresa bagnata in Gran Bretagna sulla satellite Octo Pramac Racing.

Conquistare qui un altro tassello decisivo verso il decimo titolo mondiale per il 36enne di Tavullia (paese distante appena una dozzina di chilometri da Misano) sarebbe sensazionale: “Questa lotta per il titolo è certamente più difficile di tutte le mie precedenti perché sto competendo contro Jorge e Marc all’apice della loro carriera. Nel 2009 ho sconfitto Jorge, ma avevo molta più esperienza di lui. Ora è molto più difficile. Questo potrebbe essere il titolo più importante, non posso dirlo esattamente, perché molti altri miei titoli sono stati veramente significativi”, ha dichiarato il Dottore dopo Silverstone.

Lorenzo non ha fatto il padrone nel salotto della sua casa oltremanica ed ora dovrà reagire da freddo calcolatore al cospetto di Rossi e del popolo giallo di Misano, indiscusso feudo emotivo del nove-volte campione del mondo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

Lascia un commento

Top