Motocross, GP USA 2015: il ritorno di Tony Cairoli a Glen Helen

Antonio-Cairolo-Motocross-Pier-Colombo1.jpg

L’ultimo appuntamento del Mondiale di Motocross 2015 sarà all’insegna dei ritorni. Il primo è riferito proprio al luogo in cui si disputerà il round iridato. Dopo infatti 4 anni la MXGP torna in territorio americano, a Glen Helen, su uno dei tracciati più prestigiosi del background stelle e strisce. Un circuito estremamente difficile e logorante per i piloti che metterà a dura prova i drivers che vorranno conquistare il successo di tappa e cercare di porre un freno, seppur parzaie, all’egemonia del neocampione del mondo Romain Febvre. Il francesino è reduce anche dal successo di Leon in Messico con una doppietta in gara-1 e gara-2 che non ha lasciato scampo ai suoi avversari, tutti ampiamente staccati. Una stagione made in Febvre, come la definirebbe qualcuno, frutto di un eccezionale stato di forma del pilota della Yamaha ma anche dei tanti infortuni che hanno falcidiato, uno dopo l’altro, i contendenti più accreditati.

Ricollegandoci a ciò e al tema dei ritorni non possiamo che menzionare il nostro Tony Cairoli che, dopo 5 gare di stop per recuperare dal problema al braccio, torna in pista per cercare di chiudere decorosamente un’annata molto sfortunata. L’alfiere di KTM, infatti, dopo la caduta di Maggiora, si è quasi trascinato nei weekend successivi cercando di lottare con Febvre e soci, cogliendo anche degli ottimi piazzamenti di manche ma non sufficienti per ambire alla tanto agognata tabella rossa. La decisione di fermarsi prima del GP della Repubblica Ceca è stata la scelta migliore per curarsi e ritrovare la forma giusta. Un rientro ufficializzato nel corso del round di Assen in cui Tony ha dichiarato: “Confermo il mio ritorno. Non sono al 100%, ma parteciperò negli USA all’ultimo round, anche per provare le novità tecniche in vista del 2016. Sono stato a Lommel e ad Assen come spettatore, non ero presente al Gp di Lombardia a Mantova perché mi trovavo in Belgio per le visite mediche. Sono tre piste in cui mi sarebbe piaciuto correre, si sa che la sabbia è il pane per i miei denti. Peccato!” . Riferendosi poi a chi ha vinto quest’anno il titolo da debuttante (Romain Febvre), Cairoli ha commentato:Voglio complimentarmi con Romain Febvre, ha debuttato alla grande nella MXGP, ha vinto il suo primo titolo mondiale al primo anno. Se avessi dovuto scommettere ad inizio anno, ammetto che non avrei fatto il nome di Febvre, ma alla lunga ha dimostrato di essere costante e competitivo su tutti i terreni. Bravo Romain!”

Ora dunque tutta la curiosità sarà nel vedere di cosa sarà capace il pilota di Patti anche per creare quel pathos che è mancato nelle gare precedenti, con la stella del leader del Mondiale a brillare su tutto e tutti.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Immagine: Pier Colombo

Twitter: @Giandomatrix

Lascia un commento

Top