Hockey pista, A1: il mercato delle squadre italiane

Romeo_Deganello_hockey-pista_Bassano_Tataranni.jpg

Il Campionato Italiano di hockey pista è alle porte ed è il momento di andare a vedere quali squadre si sono rafforzate sul mercato o hanno consolidato la rosa in vista del via ufficiale della stagione senza dimenticare che, giocoforza, qualche team si è al contrario indebolito.

Nel roster dei campioni d’Italia del Forte dei Marmi non vi sono state grosse modifiche, al pari di quello degli acerrimi rivali e vicecampioni del Bel Paese del CGC Viareggio, che hanno impreziosito la loro rosa con il talento di Jepi Selva,, se non quella dell’ingresso dell’ex Follonica Marco Pagnini che è volato alla corte di Pedro Gil e compagni sostituendo Alessandro Verona. Il giovane infatti, già nel giro della nazionale italiana senior, è volato a Lodi dove ha raggiunto il confermatissimo Domenico Illuzzi e Federico Ambrosio, anch’egli neo arrivato dal Pieve San Giacomo.

Grande movimento invece, si è registrato dalle parti di Valdagno dove Juan Josè Lopez, Lucas Ordonez, Mattia Ghirardello e Maximiliano Oruste, volato a Trissino,  hanno lasciato la piazza veneta per trasferirsi in altri lidi. Le partenze però sono state rimpiazzate dall’arrivo di Stefano Campagnolo e dell‘attaccante Alberto Peripolli, oltre che a Guillem Ribot.

Da Valdagno quindi ci spostiamo a Bassano del Grappa, passando clamorosamente per Matera al ritmo di uno solo nome e cognome: quello di Massimo Tataranni. Il bomber (capocannoniere all’ultimo Mondiale) si era infatti lo scorso inverno accasato nella sua città natale, in Lucania, ma per una scelta di vita familiare ha dovuto lasciare “La città dei Sassi”, dove peraltro sono arrivati intanto proprio Mattia Ghirardello, citato in precedenza, e Juan Lopez, approdando invece nel centro abitato sede dell’ultima Final Four di Eurolega dove insieme a Nicoletti, Amato e Sergio Silva, proveniente dal Breganze, che intanto ha pure acquisito Gerard Teixido, e nel cambio si è presa Alvaro Borja Gimenez , proverà a far sognare i tifosi locali.

Chiusura, infine, dedicata a Giovinazzo, Sarzana e alle neopromosse Thiene e Monza.

I pugliesi si sono rivoluzionati ampiamente cambiando guida tecnica e approfittando di un buon mercato con l’arrivo di un portiere come Armijo e due uomini offensivi come l’espertissimo Monteforte e Rodriguez ; mentre i rossoneri liguri hanno fatto rientrare dal prestito giovani interessanti come Andrea Perroni, Francesco Rossi e l’argentino Javier Amat confermando lo zoccolo duro del line-up, che quest’anno tornerà a supportare il doppio impegno.
Anche Thiene ha cambiato poco. Gli anch’essi vicentini di fatto, non stravolgono le loro fila radicalmente, anzi. Andrea Marangoni e l’estremo difensore Nicola Comin sono gli unici movimenti in entrata di una certa rilevanza.
Ottimo pure le cose fatte dalla terza compagine lombarda in sede di campagna acquisti: il mantenimento di alcuni elementi capaci già di essere al livello della A1 non può che rafforzare l’autostima di un gruppo che con Matteo Brusa, Francesco Compagno e la coppia argentina Roca-Martinez punta ad una salvezza tranquilla e forse a qualcosa di più.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Romeo Deganello

Lascia un commento

Top