Golf, Open d’Italia Monza 2015: un terzetto con Martin Kaymer in testa, 16esimo Molinari

Kaymer-Golf-Valerio-Origo.jpg

Martin Kaymer


L’equilibrio regna sovrano anche nel terzo round dell’Open d’Italia 2015 (montepremi € 1.500.000), in cui nessuno è stato in grado di involarsi in solitaria in vetta alla classifica. Al comando, infatti, si è formato un terzetto in cui spicca per forza di cose la presenza di Martin Kaymer, due volte vincitore di un Major in carriera. Il tedesco, con un gran 65 (-7), vola in testa sul Golf Club Milano di Monza con il punteggio di -17 (199 – 68 66 65), insieme a Jens Fahrbring e a Romain Wattel. Lo svedese resiste in prima posizione (67 64 68) con un solido -4 nonostante il bogey all’ultima buca, mentre il francese (67 66 66) è protagonista di un bel giro in -6. Per lo scandinavo le possibilità di infastidire Kaymer sembrano limitate al contrario del transalpino, che malgrado una stagione sottotono sembra avere i colpi per contrastare quello che è indubbiamente l’attuale favorito.

Da non sottovalutare, naturalmente, nemmeno Bernd Wiesberger. L’austriaco si è portato infatti in quarta posizione a due colpi dai leader (-15, 201) dopo un ottimo 67 (-5), pari merito con il paraguaiano Fabrizio Zanotti (che potrebbe dire la sua) e con il danese Lucas Bjerregaard, al comando ieri ma apparso in calo. Può avere voce in capitolo anche il terzetto in settima posizione, nonostante i tre colpi di ritardo, formato dallo svedese Rikard Karlberg, dallo statunitense David Lipsky e dal sudafricano Jaco Van Zyl (-14)

Francesco Molinari reagisce bene dopo l’anonimo round ieri ma non si avvicina alla vetta, sempre molto distante a ben sei colpi con uno score di -11 (205 – 65 72 68) in 16esima posizione. Il torinese mette a referto un buon 68 (-4), che è anche un po’ il minimo sindacabile su un percorso piuttosto agevole, grazie a quattro birdie e nessun bogey. Il treno per la vittoria finale è ormai passato, ma per un piazzamento importante Chicco è ancora in tempo. Dà continuità alla bella prestazione di ieri l’amateur Matteo Scalise, Il 20enne azzurro realizza un -3 (69) e sale in 22esima posizione a -10 (206) grazie a tre birdie senza alcun bogey.

Il percorso di casa esalta ancora Marco Crespi, che stampa il secondo 67 (-5) e si inerpica in 29esima posizione a -9 (207) grazie ad una bella rimonta, confezionata nelle seconde nove con quattro birdie. Non tiene il ritmo dei migliori Andrea Perrino, che incappa in un 74 (+2) dopo due round di altissimo livelli considerando i suoi standard. Il 31enne crolla dalla settima alla 41esima posizione, a quota -8. Non trovano l’abbrivio giusto nemmeno Edoardo Molinari, Lorenzo Gagli e l’amateur Stefano Mazzoli, tutti scivolati in 60esima posizione (-6): il torinese continua a non ingranare e si ferma a 71 (-1), il fiorentino va sopra Par con 73 (+2) e il campione europeo dilettanti molla un po’ la presa con un 74 (+3).

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla pagina dedicata al golf!
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit Valerio Origo

Lascia un commento

Top