Golf, European Open 2015: trionfo di Thongchai Jaidee, male gli italiani

10898292_894617913903951_4563179403971478431_n.jpg

Thongchai Jaidee non perde l’abitudine e torna a vincere a distanza di poco più di un anno, trionfando nell’European Open (montepremi € 2.000.000), che tornava in calendario dopo sei stagioni di assenza. Il thailandese, in testa già ad inizio giornata, vince la volata finale con lo score di -17 (267 – 68 68 64 67) grazie ad un solido giro in -4, senza bogey e con quattro chirurgici birdie. Per il fuoriclasse asiatico si tratta della settima vittoria in carriera sull’European Tour.

Si deve accontentare del secondo posto l’inglese Graeme Storm, che con un bogey alla 17 vanifica le possibilità di playoff e si pianta a quota -16, mentre lo svedese Pelle Edberg non è riuscito mai a tenere il ritmo dei primi due, concludendo terzo ma staccato a -14. Non è bastata un’esaltante rimonta a Scott Hend, invece, per entrare nel discorso per il titolo: l’australiano, nonostante il 65 (-6) finale, è quarto a -13. Si confermano in ottima forma lo svedese Rikard Karlberg e il danese Lucas Bjerregaard, quinti a -12 alla pari di due grandi nomi come il gallese Jamie Donaldson e l’inglese Ross Fisher.

Prestazione anonima degli italiani. L’unico ad aver superato il taglio è Alessandro Tadini, decimo ad inizio ultimo round ma crollato in 30esima posizione dopo un finale in 73 (+2), che gli vale il -7 totale (277 – 68 69 67 73). Una grande occasione sciupata per il piemontese, a caccia di punti preziosi per la money list. Quelli che non ha preso Matteo Manassero, ancora eliminato (e sono tredici) così come Renato Paratore, Edoardo Molinari, Andrea Pavan e Marco Crespi.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top