Ciclismo: Nibali-Aru, la convivenza non sarà un problema

Vincenzo-Nibali-1-Tre-Valli-2014-©-Gianluca-Santo.jpg.png

Vincenzo Nibali e Fabio Aru. I due volti principali, e noti, del ciclismo italiano, specialmente per quanto riguarda i grandi giri. Insieme, nella stessa squadra. I due azzurri si sono accasati all’Astana tra il 2012 e il 2013. Il primo, già sulla cresta dell’onda, ha ovviamente raccolto il ruolo di leader della squadra, mentre Aru è cresciuto nel tempo.

La leadership di Nibali, però, non è ancora stata messa in discussione. I risultati parlano chiaro. Il siciliano ha già vinto tutti e tre i GT, ha chiuso al secondo posto una Liegi-Bastogne-Liegi e ha fatto sognare il pubblico italiano ai Mondiali di Firenze, quando si è dovuto accontentare di un amaro quarto posto. Aru si è consacrato nelle ultime due stagioni ed è l’astro nascente del movimento.

Questo potrebbe far pensare a problemi di convivenza all’interno della stessa squadra, ma gli obiettivi dei due sono talmente diversi che non dovrebbero porsi problemi di questo tipo. Nibali, che ormai da un paio d’anni è nel pieno della maturità agonistica, non ha più nulla da dimostrare. E, in ottica 2016, è fortemente indiziato per tornare al Giro d’Italia che lo ha accolto sul podio nel 2010, all’inizio di un’ascesa culminata nel 2014 con il successo al Tour de France.

Aru, invece, è pronto per attraversare le Alpi e fare conoscenza del Tour de France. Senza ambizioni particolari, ma per cogliere un buon piazzamento nella generale e far tesoro di ogni momento della Grande Boucle in attesa di tornarci, un giorno, per conquistare la maglia gialla e portarla fin sui Campi Elisi, dove si è risolta la favola più bella di Vincenzo NIbali.

Per il resto, il pubblico italiano non può far altro che godersi due campioni che hanno dato e daranno tantissimo ai propri sostenitori. Con quella testardaggine che li accomuna, così come il coraggio di non arrendersi mai, anche nei momenti più difficili.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Lascia un commento

Top