Ciclismo, Mondiali Richmond 2015: i favoriti per la prova in linea maschile

John-Degenkolb-FB-John-Degenkolb.jpg

Foto: Pagina Facebook John Degenkolb


La settimana iridata del grande ciclismo su strada è ormai nel vivo. In questi giorni si stanno disputando le prove a cronometro ma inevitabilmente i pensieri corrono già a domenica, quando si svolgerà la prova in linea maschile, la gara più attesa in quel di Richmond e non solo. Chi sono i favoriti per succedere a Michal Kwiatkowski e indossare la maglia con i colori dell’arcobaleno?

Per quanto vedere in stagione e per le caratteristiche del percorso il principale indiziato a cogliere l’iride sembra essere Alexander Kristoff. In primavera ha colto successi a ripetizione, imponendosi con una spettacolare azione al Giro delle Fiandre dopo aver conquistato la Milano-Sanremo nel 2014. Il norvegese può contare su soli 5 compagni di squadra, con Edvald Boasson Hagen che potrebbe rappresentare un’alternativa credibile sia per un attacco nei chilometri finali sia per rilevare il posto di sprinter di Kristoff in caso di problemi o cadute del capitano. Kristoff non teme i 260 chilometri e in volata è tra i più pericolosi in gruppo, mentre gli strappi potrebbero anche essere un’arma a suo favore.

L’avversario principale è John Degenkolb. Come il norvegese, tra marzo e aprile ha regalato spettacolo imponendosi nella Milano-Sanremo e nella Parigi-Roubaix facendo quel salto di qualità atteso da qualche tempo a questa parte. Le caratteristiche sono simili a quelle di Kristoff, anche se ha dimostrato di patire maggiormente i muri in stile Fiandre che caratterizzano il percorso di Richmond. La lunghezza di questi strappi, però, non dovrebbe essere proibitiva per lui. Da non sottovalutare, sempre tra i tedeschi, anche André Greipel: probabile possa conquistarsi il ruolo di prima punta se dovesse arrivare con i migliori allo sprint. Difficile, ma non impossibile.

Al Mondiale ha sempre fallito e questa potrebbe essere un’ottima occasione per rifarsi. Per tutto il 2015 non ha impressionato, specialmente sulle lunghe distanze, ma Peter Sagan non conosce percorsi inadatti e può vincere in tutti i modi. Potrebbe scattare a 20 chilometri dalla conclusione, all’ultimo giro o sull’ultimo strappo, senza dimenticare che anche in volata ha ottime possibilità di imporsi. L’esclusione dalla Vuelta potrebbe aver influenzato il suo avvicinamento al Mondiale, ma è negli USA da tempo e ha preparato molto bene l’appuntamento. Unica incognita la squadra, non all’altezza della situazione. Ancora una volta potrebbe trovarsi a correre da solo contro tutti e pagare dazio.

Sprinter atipico, e per questo adattissimo al percorso, con una squadra di altissimo livello a disposizione. Michael Matthews si trova nella posizione ideale per provare il primo vero assalto della carriera alla maglia iridata tra i professionisti dopo essersi imposto nel 2010 tra gli Under 23. Negli ultimi 12 mesi sembra aver trovato una maturità sconosciuta fino all’appuntamento iridato di Ponferrada e fa paura a tutti. Ha recentemente battuto Kristoff e in stagione, tra le altre cose, ha chiuso in terza posizione sia la Milano-Sanremo che l’Amstel Gold Race. Gli manca ancora la vittoria di peso ma il finale di Richmond sembra disegnato per lui.

Dopo quattro velocisti, per quanto atipici e capaci di vincere anche corse impegnative, è il turno di uno scattista: Philippe Gilbert. Per palmares  e non solo dovrebbe essere il capitano di un Belgio che si presenta con una squadra sulla carta fortissima senza però l’uomo in grado di rivaleggiare allo sprint con gli atleti sopracitati. Il vallone proverà quasi certamente ad anticipare la volata coadiuvato da Greg Van Avermaet, mentre Tom Boonen proverà quello che dovrebbe essere l’ultimo assalto alla maglia iridata. Del Belgio, comunque, parleremo in maniera più approfondita nei prossimi giorni. Per tornare a Gilbert, l’avvicinamento al Mondiale non è stato scintillante come in altre occasioni ma è l’uomo in grado di far saltare la gara con il tritolo. Indiziato speciale anche per la tattica della nazionale italiana, impossibile lasciarselo scappare.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Pagina Facebook John Degenkolb

Lascia un commento

Top