Canottaggio, Mondiali 2015: impresa dell’otto, è finale! Bene 2 senza e doppio pl

Otto-Canottaggio-Federcanottaggio1.jpg

Serviva un’impresa ed è arrivata: l’otto senior italiano ha conquistato la qualificazione per la finale ai Mondiali di canottaggio 2015 ad Aiguebelette (Francia), entrando tra le magnifiche sei della disciplina. Ora servirà un ultimo sforzo per la vera ciliegina sulla torta: solo le prime cinque imbarcazioni, infatti, staccheranno il pass diretto per le Olimpiadi di Rio 2016.

Inseriti nel primo ripescaggio con Russia, Polonia, Francia e Cina, gli azzurri erano consapevoli di dover fare la regata sui polacchi. Quarti dopo 500 metri, Matteo Stefanini, Fabio Infimo, Andrea Tranquilli, Pierpaolo Frattini, Giovanni Abagnale, Domenico Montrone, Luca Agamennoni e Vincenzo Abbagnale (timoniere Enrico D’Aniello) superavano la Francia ai 1000 metri, dove transitavano terzi a 2 secondi dalla Polonia, seconda. Davanti, indisturbata, la Russia. Ai 1500 metri lo svantaggio dai polacchi si assottigliava a soli 1″3. Poi un imperiale serrate finale da parte dei nostri canottieri portava al sorpasso proprio in dirittura d’arrivo, con la Polonia beffata per poco più di un decimo. Una prestazione da applausi per l’Italia, assolutamente impronosticabile alla vigilia. Se la barca ammiraglia arriva in finale, significa che il movimento sta bene. Ed i risultati complessivi, in effetti, lo stanno ampiamente confermando. Ora sarà necessaria una nuova impresa in finale con Titani come Germania, Gran Bretagna, Olanda. Russia e Nuova Zelanda. In batteria gli azzurri avevano regatato fianco a fianco con i maori, ma anche la Russia, oggi, non è sembrata così distante, soprattutto grazie alla superba accelerazione conclusiva degli azzurri. Bisogna crederci e provarci fino in fondo.

Il vento contrario ha ribaltato in parte le gerarchie del doppio pl maschile. Tra i migliori, tuttavia, figurano sempre Pietro Ruta ed Andrea Micheletti, secondi alle spalle della Gran Bretagna e qualificati per le semifinali con il quarto tempo complessivo. Ora gli italiani saranno attesi da un turno difficilissimo con i campioni del mondo del Sud Africa ed i favoriti francesi, oltre a Grecia e Svizzera: solo le prime tre accederanno in finale.

Seconda piazza alle spalle della Gran Bretagna e pass per le semifinali anche per Niccolò Mornati e Vincenzo Capelli. Gli azzurri, pur non brillanti come nelle batterie, appaiono in piena corsa per la finale e, nel complesso, il pass per Rio 2016 sembra in cassaforte.

Convincente prestazione anche per il 4 senza pesi leggeri. Martino Goretti, Stefano Oppo, Livio La Padula ed Alberto Di Seyssel hanno dominato il ripescaggio davanti ad Austria e Grecia, raggiungendo l’obiettivo minimo della semifinale.

Se il settore maschile continua ad entusiasmare, rasenta lo zero, purtroppo, quello femminile. Nessun miracolo per Laura Milani ed Elisabetta Sancassani nel doppio pl femminile: nello sport non si inventa nulla e, senza l’allenamento necessario a causa dei tanti imprevisti fisici stagionali, le canottiere del Bel Paese hanno chiuso in ultima posizione il quarto di finale vinto dalla Cina in volata sulla Nuova Zelanda. Le campionesse del mondo del 2013 al momento sono fuori dalle Olimpiadi. Potranno riprovarci al pre-olimpico 2016 riservato all’Europa (cui parteciperanno anche Nuova Zelanda, Canada, Australia e Stati Uniti se non ancora qualificate), dove saranno in palio gli ultimi due biglietti per Rio.

Niente da fare neppure per il doppio senior di Laura Schiavone e Sara Magnaghi, quinte nel secondo ripescaggio ed eliminate. Fuori anche Gaia Palma nei quarti di finale del singolo senior.

Per quanto riguarda le specialità non olimpiche, Marcello Miani è in semifinale nel singolo pesi leggeri; eliminati il due con (Luca Parlato-Emanuele Liuzzi, timoniere Andrea Riva) ed il quattro di coppia pl femminile (Greta Masserano, Valentina Rodini, Nicole Sala, Eleonora Trivella).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Federcanottaggio

federico.militello@oasport.it

 

Lascia un commento

Top