Basket|Europei 2015: Serbia 101-82 Italia, le pagelle. Gentile e Aradori combattenti

Gentile_Basket_Italia_Europei_FIP.jpg

Si conclude con una sconfitta abbastanza preventivata, ma che non pregiudica nulla, la fase a gironi dell’Italia in questo EuroBasket 2015. La Serbia infatti, perfetta con 5 vittorie in altrettanti incontri disputati, ci batte 101-82. Ecco le pagelle della squadra di Pianigiani:

Amedeo Della Valle, voto 6: esordisce finalmente nell’Europeo e subito piazza una tripla. Poi, quando dalla panchina gli danno ancora minuti la partita è sostanzialmente finita.

Pietro Aradori, voto 6.5: se lo chiamano il “Cagnaccio” un motivo ci sarà. Gioca trentacinque minuti cercando di dare tutto per la causa azzurra arrivando alla doppia cifra in fase realizzativa.

Alessandro Gentile, voto 7: è il migliore degli azzurri. Si sobbarca quasi interamente la terza fatica in quarantaquattro ore risultando comunque il top scorer del Bel Paese, con 19 punti.

Danilo Gallinari, voto 6: non si accende da subito e finisce per non essere efficace come nei due giorni precedenti. Innervosito dal contatto con Raduljica nel primo tempo, viene poi risparmiato nella ripresa.

Andrea Bargnani, voto 6: il “Mago” disputa comunque la sua onesta partita applicandosi anche in difesa. Quando ha la palla il talento del romano lo si conosce abbastanza.

Marco Cusin, voto 5: gioca poco e sotto le plance per di più c’è da lottare con gente che fisicamente e tecnicamente lo sovrasta. Fa quello che può, l’impegno non manca ma non sempre basta.

Nicolò Melli, voto 5: fatica come tutto il resto della squadra. Oggi il suo apporto dalla  panchina decisamente non si è sentito.

Andrea Cinciarini, voto 5.5:  titolare anche oggi prova ad orchestrare la sinfonia azzurra. Lo spartito però non è fluido, anche se l’idea di cercare più di una volta l’iniziativa personale non gli dispiace. Piazza 11 punti che sono un buon fatturato, ma il suo diretto rivale Teodosic ne fa più del doppio

Daniel Hackett, voto 5: la speranza è che possa migliorare. Oggi, e fin qui, è stato insufficiente.

Achille Polonara, voto 6: buttato finalmente nella mischia con qualche minuto in più, il trentatrè azzurro si regala persino la gioia di una stoppata ai serbi agli Europei. Chissà che nel corso del torneo non possa trovare altro spazio.

Simone Pianigiani, voto 5.5: deve economizzare e pensare alle rotazioni in vista della fase ad eliminazione diretta di Lille, ma ha soltanto dieci giocatori impiegabili (per via del forfait anche di Belinelli dell’ultim’ora). Prova a motivare i suoi in una partita già difficile di suo e che viene dopo due autentiche battaglie vinte. In poco meno di tre giorni con il suo staff dovrà capire lo stato di mentale, fisico e tecnico dei suoi ed inoltre studiare quale avversario ci porterà in dote la sorte.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: FIP

Tag

Lascia un commento

Top