Basket, Europei 2015: Italia-Islanda 71-64, le pagelle degli azzurri. Gentile show, problemi in regia

basket-alessandro-gentile-italia-islanda-fb-fip.jpg

Della Valle s.v: Anche oggi zero minuti. Non trova spazio neanche con l’Islanda nonostante Cinciarini ed Hackett non certamente brillanti.

Belinelli 7: dodici punti, otto rimbalzi e tre assist. Partita di grande sostanza per il Beli (in campo per 36 minuti), che trova anche giocate decisive come i tre liberi conquistati nel momento di maggior difficoltà azzurra. Ha praticamente fatto lui il play e gestito la squadra quando tutto sembrava presagire il peggio. Ha dimostrato di esserci da vero leader.

Aradori 6.5: nel finale è l’uomo del destino. Prima un gioco da tre punti e poi il 2/2 dalla lunetta. Se andremo avanti ci ricorderemo di quel minuto fondamentale giocato da Pietro.

Gentile 8: il migliore per distacco. Partita sontuosa del capitano di Milano. Non solo per i ventuno punti che lo issano a top scorer della serata, ma per l’intensità, la voglia, il cuore e il sacrificio che ci ha messo nei 33 minuti giocati. Nel finale una sua magia chiude i giochi. Prestazione da incorniciare.

Gallinari 5: dopo l’incredibile serata di ieri, incappa in un match difficile e chiuso solo con quattro punti. Condizionato fin dai subito dai falli (due nei primi quattro minuti) alla fine non viene neanche aiutato dagli arbitri che in rapida successione lo escludono dalla gara. Meglio un match storto oggi che in futuro. Il Gallo saprà riscattarsi.

Bargnani 6: ieri massacrato mentre oggi si resta perplessi sul suo scarso utilizzo. Solo nove minuti in campo nonostante finalmente un buon impatto difensivo e anche alcuni canestri importanti, sfruttando la notevole differenza fisica. Quando gioca così meriterebbe di essere sul parquet.

Cusin 6: lotta come un leone come sempre, ma spesso la foga lo porta a commettere troppi errori e falli. Alla fine comunque con lui in campo il parziale è di +11 e solo Gentile ha una statistica migliore.

Datome s.v: La notizia peggiore della serata è il suo infortunio. La speranza è che non sia grave, perchè il capitano ci serve tantissimo per il nostro futuro.

Melli 5.5: la sensazione è quella di un giocatore che potrebbe fare tanto e che invece resta nel suo. Non fa male senza dubbio, ma comunque non riesce ad incidere come vorrebbe sia in attacco che in difesa.

Cinciarini 5: I problemi dell’Italia sono in cabina di regia. La squadra muove poco la palla ed è lenta. Il Cincia non c’è e non sta brillando e anche al tiro non vede quasi mai il canestro. Ha comunque carattere ed è uno che non molla e sicuramente uscirà da questo momento negativo.

Hackett 5.5: vale lo stesso discorso fatto per Cinciarini, con l’unica variante che lui il canestro qualche volta lo vede e anche oggi ha segnato una tripla di importanza capitale. Male comunque in regia dove l’Italia proprio non riesce a girare.

Polonara s.v: entra due minuti per l’infortunio di Datome e si pensa possa essere anche la sua partita ed invece in campo non ci entra più.

Pianigiani 6: contava probabilmente solo vincere e la missione è stata centrata, nonostante mille sofferenze e qualche incubo. Ecco spiegata la sufficienza, ma anche oggi molte scelte non convincono, soprattutto quella di escludere Bargnani dalla partita.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca Qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Basket

foto da pagina FB della FIP

twitter Andre_Ziglio

andrea.ziglio@oasport.it

Lascia un commento

Top