Basket, Preolimpico: Italia quante insidie. Francia e Serbia fanno paura e poi c’è il Canada

basket-bogdan-bogdanovic-serbia-fb-bogdan-bogdanovic.jpg

L’Europeo è terminato ed ora il progetto dell’italbasket è quello di programmare al meglio il fondamentale appuntamento del Preolimpico che si disputerà il prossimo anno tra il 5 e l’11 luglio. 

La formula, non ancora resa ufficiale, prevede tre raggruppamenti di sei squadre, che verranno succesissivamente divise in due gironcini a tre poi con semifinale incrociate e finalissima. In totale i posti per qualificarsi alle Olimpiadi sono tre, assegnati alle vincitrici dei vari raggruppamenti.

Non si conoscono ancora le sedi ufficiali dei tre gironi, ma con certezza si sa che anche l’Italia, per stessa ammissione del Presidente Gianni Petrucci, si è resa disponibile per essere uno dei paesi organizzatori, ma solo a novembre la Fiba prenderà una decisione definitiva.

Queste tutte le squadre già qualificate per il Preolimpico:

Europa – Serbia, Francia, Grecia, Italia, Repubblica Ceca

America – Canada, Messico, Porto Rico

Africa – Angola, Tunisia, Senegal

Oceania – Nuova Zelanda

Asia – Seconda, terza e quarta classificata dei Campionati Continentali (23 settembre – 3 ottobre)

A queste formazioni si possono aggiungere anche altre nazionali, soprattutto europee, che potrebbero ricevere una wild card per organizzare uno dei tre raggruppamenti. In questo modo nazionali come la Turchia (una possibile sede), la Russia, la Germania, la Slovenia o la Croazia, potrebbero rientrare clamorosamente in corsa per la qualificazione olimpica

Restando comunque alle formazioni già qualificate e non sapendo ancora con quali gerarchie verranno fatti i sorteggi, i primi grandi pericoli sono rappresentati da Francia e Serbia, le due deluse dell’ultimo Eurobasket, che sognavano la medaglia d’oro e che si sono trovate a disputare la finalina per il bronzo. Se l’Italia dovesse trovarsi una di queste due formazioni sul proprio cammino avrebbe bisogno di una vera e proprio impresa per volare a Rio.

Sempre restando in panorama europeo anche la Grecia è squadra da temere, ma certamente meno delle due formazioni sopra citate. Spanoulis ha dato addio alla nazionale, Bourousis e Zisis prima lo hanno seguito e poi lo stesso centro ha negato tutto, ma ormai la stella è Giannis Antetoukomnpo, che alla sua prima esperienza in un Europeo ha strabiliato tutti.

Guardando fuori dai confini europei sono le nazionali americane a spaventare. Soprattutto il Canada impensierisce, essendo una nazionale in grande crescita e con alcuni dei giovani più forti a livello NBA come Wiggins e Russell, poi ci sono anche le variabili impazzitte Messico e Puerto Rico che in partita secca potrebbero sempre essere pericolose.

La Nuova Zelanda, le squadre africane e anche quelle asiatiche (molto probabile che una di loro organizzi un girone) non rappresentano certamente ostacoli insormontabili per un’Italia che vuole a tutti i costi la qualificazione olimpica.

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca Qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Basket

foto da pagina FB di Bogdan Bogdanovic

twitter Andre_Ziglio

andrea.ziglio@oasport.it

Lascia un commento

Top