Vuelta a España 2015: tappa e maglia a Chaves. Già distacchi tra i big

BnzUYASCEAA6ul31.jpg

Prima vera tappa per la Vuelta a España 2015 dopo l’antipasto di ieri con il prologo a squadre d’apertura che non è valso per la classifica generale. Nella prima frazione in linea del terzo grande giro stagionale, partita da Alhaurín de la Torre e arrivata a Caminito del Rey/Alto de la Mesa dopo 158 chilometri ad imporsi è il colombiano Esteban Chaves (Orica GreenEdge), autore di una fantastica azione sull’ultima ascesa. Lo scalatore sudamericano va a prendersi anche la Maglia Rossa di leader della generale.

Solito andamento nella prima parte di gara. Fuga di sei corridori con: José Goncalves (Caja Rural – RGA), Matteo Montaguti (Ag2r La Mondiale), Walter Pedraza (Team Colombia), Nelson Oliveira (Lampre – Merida), Davide Villella (Cannondale – Garmin) e Bert-Jan Lindeman (LottoNL – Jumbo) che si sono dati cambi regolari, salvo poi essere ripresi dal gruppo tirato dalla Katusha a 15 chilometri dal traguardo (ultimo ad arrendersi Goncalves). A 30 chilometri dal traguardo una brutta caduta in gruppo ha fatto rimanere attardato Vincenzo Nibali: il campione italiano dell’Astana è andato a terra e ci ha messo diversi chilometri a rientrare nel gruppo principale.

Sull’ascesa finale il primo a partire è stato Gautier (Europcar), senza riuscire però a guadagnare spazio. Ai -3 chilometri scatto di Nairo Quintana (Movistar), seguito da Dumoulin, Roche e Meintjes. Al contrattacco è arrivato un super Esteban Chaves (Orica GreenEdge) che ha dato nuova linfa all’attacco, mentre Quintana ha subito l’azione del connazionale. Chaves e Domoulin sono riusciti a fare la differenza, con il colombiano che ha prevalso allo sprint. Distacchi tra i big: Purito Rodriguez guadagna su Valverde e Froome, Aru perde 11 secondi da Quintana, Nibali addirittura 1’02”: lo Squalo ha pagato dazio allo sforzo profuso per rientrare in gruppo dopo la caduta. 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Twitter Tour of California

Lascia un commento

Top