Vuelta a España 2015, seconda tappa: Alhaurin de la Torre-Caminito del Rey. Subito grande spettacolo

perfil_2.png

Dopo la partenza con la cronosquadre di Marbella, invalidata per la classifica generale la Vuelta a España 2015 offre subito un piatto forte e potenzialmente spettacolare nella prima tappa in linea, la Alhaurín de la Torre – Caminito del Rey di 165 km, da percorrere interamente in Andalusia tra due località inedite per il Grande Giro iberico.

Se spettacolo sarà, spettatori e tifosi dovranno attendere comunque la fine della tappa, ad eccezione delle fughe che nasceranno nella prima parte della giornata, non completamente piatta e che ben si presta ad attacchi da lontano. La prima asperità della Vuelta 2015 è posta però dopo ben 148km con l’Alto de Carrataca, un Gpm di terza categoria (8 km) che potrebbe anche fungere da rampa di lancio per i più avventurosi, nonostante la vetta sia posta a 17km dal traguardo. Due tratti di discesa, intervallati da un breve segmento pianeggiante, condurranno poi i corridori verso il momento decisivo della tappa, rappresentato dall’Alto de la Mesa. Ancora un Gpm di terza categoria, ma i cinque chilometri di ascesa si concluderanno proprio sotto lo striscione dell’arrivo nella suggestiva cornice del Caminito del Rey.

Un arrivo che si prospetta adatto per scattisti del calibro di Alejandro Valverde e Joaquim Rodriguez, ma sarà anche la prima battaglia tra i big della classifica generale con Chris Froome, Nairo Quintana e i nostri Vincenzo Nibali e Fabio Aru.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

nicolo.persico@oasport.it

Twitter: @nvpersie7

Facebook: nvpersie7

Tag

Lascia un commento

Top