Vuelta a España 2015 – Nibali, Aru e Landa: possibile la convivenza

CGQ38rZWsAAx6Gq1.jpg

Ci sono due italiani e uno spagnolo. E tutti vorrebbero, in realtà, i gradi di capitano. A partire da Vincenzo Nibali, che nulla deve dimostrare, per arrivare a Mikel Landa, nella corsa di casa, passando per Fabio Aru, colui sul quale la squadra punterà di più in ottica futura.

Alla vigilia della Vuelta a España 2015, l’Astana si trova in una situazione non facile da gestire, con tre atleti sulla carta molto forti che potrebbero puntare al podio o alla vittoria finale. Nonostante le dichiarazioni di facciata, è chiaro che Nibali veda nella Vuelta la possibilità di riscattare un Tour non memorabile nonostante un successo di tappa. Ha vinto questa corsa nel 2010, è arrivato secondo nel 2013: è arrivato il momento di riprovare a salire sul gradino più alto del podio e portare a casa la maglia rossa.

Mikel Landa è alla corsa di casa e dopo essersi sacrificato per Aru al Giro vorrebbe avere la possibilità di giocarsi le proprie carte. Eppure è difficile che l’Astana punti su di lui, perchè a fine stagione cambierà squadra. Probabile, allora, che la squadra gli chieda un ulteriore sacrificio. L’orgoglio e la spinta del pubblico, però, potrebbero prevalere sulla volontà di Landa di mettersi a disposizione in una situazione che non appare facile.

Fino ad un paio di settimane fa Fabio Aru sembrava dovesse essere l’uomo di punta dell’Astana alla Vuelta. Ora, con l’ingombrante presenza di Nibali al suo fianco il sardo potrebbe sentire il proprio ruolo ridimensionato nonostante ormai stia preparando questo appuntamento da oltre 2 mesi. Aru è forse colui che potrebbe soffrire maggiormente la sfida interna, non avendo più quelle certezze che avevano caratterizzato l’avvicinamento agli appuntamenti importanti della sua carriera. A lui si chiede di dimostrare di essere ormai all’altezza o quantomeno molto vicino ad un Nibali che non ha preparato l’appuntamento. In caso contrario, il sardo potrebbe soffrire il confronto con il più esperto, e vincente, compagno.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: profilo Twitter Giro d’Italia

Lascia un commento

Top