Vuelta a España 2015, le pagelle: nella vittoria di Stuyven delude l’organizzazione

Sagan-FB-Tirreno-Adriatico.jpg

L’ottava tappa della Vuelta a España 2015 si è risolta in una volata ristretta di una cinquantina di unità. Analizziamo quanto successo con le consuete pagelle.

STUYVEN Jasper, voto 9: ottimo modo per firmare il primo successo in carriera. Nome interessantissimo, tiene bene in salita ed è dotato di un ottimo spunto veloce che potrebbe regalargli tante gioie in futuro. È giovane ma sembra entrato col piede giusto nel ciclismo dei grandi.

BILBAO Pello, voto 8: sfiora la vittoria. Buono scalatore, dimostra di saperci fare anche in volate ristrette. A 25 anni, un risultato più che discreto per lui.

REZA Kevin, voto 7: dovrebbero essere le sue tappe. E infatti il francese della FDJ non tradisce conquistando il podio

VISCONTI Giovanni, voto 7: il migliore degli italiani. Spesso costretto a lavorare per i compagni, quando ha spazio si fa vedere e apprezzare. Per oggi, quarto.

SBARAGLI Kristian, voto 6,5: forse in volata potrebbe fare qualcosa di più, ma mancano le gambe nel momento topico.

ORGANIZZAZIONE, voto 4: si vede poco e a volte male. Moto e macchine sfrecciano nel gruppo (oggi a farne le spese Sagan quando era ormai il favorito per la vittoria di tappa). Già dalla crono inaugurale questa Vuelta sembra nata tra difficoltà organizzative e fino ad ora non fa altro che confermare.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Pagina FB Tirreno Adriatico

Tag

Lascia un commento

Top