Vuelta a España 2015, DIRETTA LIVE: primo vero arrivo in salita. Si stacca Froome, attacca Aru!

aru-froome.jpg

Dopo una prima settimana abbastanza divertente, ma che non ha dato ancora nessun verdetto, arriva il primo arrivo in salita vero e proprio alla Vuelta a España 2015. Nella settima frazione della corsa a tappe iberica si parte da Jòdar e si arriva in vetta a La Alpujarra dopo 191 chilometri. Chris Froome, Nairo Quintana, Alejandro Valverde, Purito Rodriguez e Fabio Aru, favoriti per il successo finale, non potranno più nascondersi. Da fare attenzione ad Esteban Chaves: il colombiano della Orica GreenEdge è in formissima. Seguite la nostra diretta per non perdervi nulla di questa prima tappa di montagna.

Presentazione della tappaClassifica generale

17.58: clamorosa caduta per Cousin nell’ultimo chilometro che si è giocato le possibilità di vittoria di tappa.

17.53: vince Lindeman, poi Koshevoy. Aru terzo a 30” , gli altri big a 36”, Froome perde oltre 30” da Aru.

17.52: Aru ha fatto il vuoto, dietro sono rimasti in pochi con Quintana che prova a limitare i danni.

17.50: riparte ancora Koshevoy, mentre succede di tutto tra i big! Froome si stacca! E CHE ATTACCO DI ARU IN FACCIA A TUTTI!

17.50: Lindeman ancora sulla ruota di Cousin! Koshevoy 20 metri più indietro. Sfrutta un rallentamento e rientra anche lui!

17.47: rientrato anche Lindeman, Cousin ci prova ed è proprio l’olandese che prova a chiudere. Tinkoff-Saxo in testa al gruppo.

17.44: si è formata una coppia al comando. Il gruppo sembra fuori dai giochi per il successo di tappa a 3 dal traguardo.

17.42: Cousin si sta riportando su Koshevoy. Gruppo tirato da Diego Rosa ma ritmo non esagerato.

17.39: Koshevoy ripreso ma riparte subito! Il bielorusso della Lampre-Merida sembra averne. 2’20” a poco meno di 5km dal traguardo.

17.38: Koshevoy non solo rientra ma ci prova anche in solitaria. Provano a rientrare i 3 compagni di fuga rimasti.

17.35: prova ad andarsene Cousin, lo seguono Txurruka e Lindeman. Koshevoy fatica ma prova a rientrare.

17.26: 10 chilometri al traguardo per i fuggitivi, gruppo a 3’25” e anche l’Astana si è portato in testa al gruppo.

17.15: scende a 4’34” il vantaggio della fuga. Movistar in testa al gruppo e ritmo alto.

17.08: iniziata la salita finale. Esplode già il gruppo, altissima velocità.

17.05: i fuggitivi stanno per approcciare l’ascesa finale. Deciso l’inseguimento della Movistar che porta il ritardo ai 6′.

16.55: ci avviciniamo rapidamente all’inizio dell’ascesa finale. 26 chilometri al traguardo, tira ancora la Movistar che ha portato il ritardo della fuga sui 7′.

16.50: 30 chilometri all’arrivo, scende sotto gli 8′ il vantaggio. Si alzano di molto le probabilità del gruppo.

16.45: la squadra di Valverde e Quintana fa sul serio. 8’30” il ritardo a 32 chilometri dal traguardo.

16.36: ora è la Movistar che si porta in testa al plotone.

16.33: niente da fare, si rialza il gruppo. 10′ ancora il vantaggio della fuga. Difficile andarli a riprendere.

16.27: 50 chilometri al traguardo, sempre 10′ il ritardo del gruppo.

16.10: siamo già a 10′, due minuti volati in pochissimi chilometri. Gruppo in lunga fila indiana.

16.05: colpo di scena. Si porta in testa l’Astana di Fabio Aru a collaborare con la Orica GreenEdge del leader della generale. Scende dunque il vantaggio della fuga.

15.50: 70 chilometri al traguardo. Non scende il ritardo del gruppo, sempre sui 13′. Probabile che i fuggitivi si vadano a giocare il successo parziale.

15.30: cresce ancora il vantaggio della fuga. 13′ ora il distacco del gruppo. Lontani comunque gli attaccanti in classifica generale rispetto ad Esteban Chaves.

15.15: terminato il GPM per i fuggitivi, siamo a 90 chilometri dal traguardo. Sempre molto ampio il vantaggio sul plotone Maglia Rossa.

15.07: Puerto de los Blancares, primo GPM di giornata, di terza categoria. Impegnati i fuggitivi: cresce il vantaggio sul gruppo, che ha superato gli 11′.

14.54: 110 chilometri all’arrivo, non cambia il passo del gruppo. Sempre sui 10 minuti il vantaggio dei sei fuggitivi.

14.30: sei corridori in fuga sin dalle prime fasi di gara. Si tratta di: Amets Txurruka (Caja-Rural), Carlos Julian Quintero (Colombia), Ilia Koshevoy (Lampre-Merida), Jerome Cousin (Europcar), Bert-Jan Lindeman (LottoNL-Jumbo). Superiore ai 10 minuti il loro vantaggio sul gruppo a 130 chilometri dall’arrivo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: FB Team Sky

Tag

Lascia un commento

Top