Tuffi: la decima e la prima volta

Verzotto.jpg

L’ultima medaglia mondiale di Tania Cagnotto è anche la decima della carriera. Cifra tonda, per un percorso stellare iniziato esattamente dieci (toh!) anni fa a Montreal e coronato con le imprese di Kazan. Prima dal metro, sempre in controllo e leggendaria trionfatrice, poi bronzo da 3, con la lotta di nervi vinta contro la canadese Jennifer Abel, e ancora terza oggi nel sincro misto dal trampolino con Maicol Verzotto. Per lui, altoatesino come Tania e altoatesino come quel Christopher Sacchin che ancora si allena e gareggia per amore dei tuffi ultimo medagliato maschile per l’Italtuffi da 1 metro a Melbourne 2007, è invece la prima. A 27 anni.

Premiata la scelta del ct Giorgio Cagnotto di reinventarlo “sincromistista” per le due specialità introdotte quest’anno dalla Fina e subito apprezzate da pubblico e tv. Addirittura si vocifera che possano diventare olimpiche in futuro, chissà, anche se eventualmente a Tokyo 2020 saranno altri due azzurri a difendere il tricolore. Sesto da 10 metri con Noemi Batki, ma autore di una grandissima gara che li ha visti secondi fino all’ultimo tuffo, Verzotto – piattaformista – salta al meglio e si esalta con al suo fianco una fuoriclasse come Tania. Obbligatori puliti ed elegantissimi, liberi costanti, nervosismo sconfitto nonostante gli 80 punti del doppio e mezzo avanti con due avvitamenti della coppia canadese.

Sono felicissimo. E’ un’emozione indescrivibile. Sapevamo che potevamo giocarci qualcosa di importante. Siamo riusciti a tenere alta l’attenzione sino alla fine – le sue parole riportate dalla Fin -. Devo ringraziare Tania perché mi ha consentito di poter gareggiare per una medaglia speciale, la mia famiglia che mi ha sempre sostenuto, la mia ragazza che è a casa ad aspettarmi, Giorgio Cagnotto che mi allena da vent’anni e ha sempre creduto in me anche nei momenti difficili, il mio compagno di sincro piattaforma Francesco Dell’Uomo che mi ha aiutato a gareggiare ad alto livello e tutti coloro che hanno contribuito alla conquista di questa medaglia bellissima“. Bellissima come l’emozione di cui gode chi, quasi dal nulla, si trova tra i migliori del mondo. Come si sta là in alto, Maicol?

Per Tania Cagnotto, invece, sono finiti non solo gli aggettivi, ma anche le virgole e gli articoli. Ogni riga risulta superflua per descrivere le sue imprese. Ci affidiamo quindi alle sue sensazioni: “Questo è il mondiale più bello della mia carriera. Meglio di così non potevo chiudere la mia carriera ai campionari mondiali. Bisogna anche saper smettere al momento giusto e penso sia arrivato. Maicol è stato bravissimo. Io ero veramente serena, invece lui sentiva molto la gara. Malgrado sia piattaformista è stato bravo a gestire i tuffi dal trampolino e a coniugare i nostri movimenti“. Per l’ennesima volta si dimostra una vera campionessa di vita: “Sono felice per Jennifer Abel, ha saltato benissimo insieme al suo compagno. Hanno rischiato con un tuffo più difficile del nostro e hanno meritato l’argento. Per noi argento o bronzo cambiava poco. Siamo contenti così e non volevamo rischiare oltre il giusto“.

Chiude papà Giorgio, che a stagione conclusa indica l’ultima rotta: “Siamo arrivati al 90% del percorso di atleta di Tania. Una bella carriera, ricca di soddisfazioni, durante cui Tania si è sempre allenata col massimo della professionalità. Adesso accorceremo le vacanze per ricominciare a lavorare. Riprenderemo con preparazione atletica, palestra, pian piano aggiungeremo la tecnica. Sarà importante arrivare alle Olimpiadi di Rio de Janeiro non fusi in considerazione dell’età e della gestione dello stress“. E aggiunge: “Desidero rivolgere i complimenti a Verzotto perché veniva dalla delusione per l’eliminazione dalla piattaforma e da problemi al polso. Non è un trampolinista, ma ha saputo cogliere questa occasione controllando la pressione, tenendo botta alla tensione. E’ stato molto bravo“.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Rostock 2013

Lascia un commento

Top