Tennis, Us Open 2015: un trono per tre, mentre Nadal…

tennis-andy-murray-tonelli-federtennis.jpg

Se nel tabellone femminile degli Us Open 2015 Serena Williams è l’unica grande favorita, discorso diverso per quanto riguarda il torneo maschile, perchè sono almeno tre i giocatori che si presentano all’ultimo Slam dell’anno con quasi le medesime possibilità di conquistare la vittoria.

Un terzetto che comprende ovviamente i primi tre del mondo: Novak Djokovic, Roger Federer ed Andy Murray. Negli ultimi due Masters 1000 il nome dei finalisti non è mai uscito da questo gruppetto e il fattore comune è comunque sempre stato Djokovic, giunto all’ultimo atto sia a Montreal sia a Cincinnati, ma sconfitto in entrambe le circostanze prima dal britannico e poi dallo svizzero.

Due sconfitte comunque che non hanno intaccato il ruolo di primo favorito per Nole, che nonostante tutto resta sempre l’uomo da battere, anche se a New York non trionfa dal 2011 (unica vittoria). Il serbo negli Slam diventa quasi imbattibile e anche a Wimbledon Djokovic avrebbe dovuto faticare molto ed invece sappiamo tutti come è andata a finire.

In quella finale di Londra dall’altra parte della rete c’era Roger Federer e lo svizzero vorrà prendersi la rivincita, anche perchè è dal 2012 che manca uno Slam nella bacheca del campione elvetico. Roger non ha giocato in Canada e si è presentato a Cincinnati tirato a lucido e in un’ottima condizione che fa davvero pensare ad un Federer che possa tornare davvero a trionfare.

Poi c’è il terzo, forse quello meno considerato e meno appariscente degli altri due, ma Andy Murray c’è, sta benissimo e ama particolarmente i campi di Flushing Meadwos, dove ha conquistato il suo primo Slam della carriera. Ha vinto a Montreal ed è in grande fiducia.

Una volta c’erano i Fab Four, ma da loro sembra essersi staccato definitivamente Rafa Nadal. Stagione difficile per lo spagnolo, che ha pagato i numerosi problemi alle ginocchia, che ovviamente hanno segnato il suo gioco fatto di corsa e sacrificio. Un logoramento inevitabile, ma attenzione perchè Rafa è pur sempre un grandissimo campione e di certo non vorrà fare la figura del partecipante agli Us Open e magari New York puó rappresentare il rilancio del mancino maiorchino.

Poi ci sono le sorprese, gli outsider, perchè il pensiero ricade subito alla clamorosa edizione passata quando a trionfare nello stupore generale fu il croato Marin Cilic. Due settimane perfette per l’allievo di Goran Ivanisevic e probabilmente un caso che mai si ripeterà. In finale Cilic sconfisse Kei Nishikori, ed invece qui le possibilità di ripetersi per il giapponese ci sono, perchè è pur sempre il numero quattro del mondo e poi perchè su questi campi si trova sempre benissimo.

Ci si prospetta uno degli Us Open più equilibrati di sempre e un’edizione che promette grandissimo spettacolo. Ancora pochi giorni e poi si inizia.
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Tennis

andrea.ziglio@oasport.it

Immagine: Federtennis Tonelli

Lascia un commento

Top