Superbike, GP Malesia 2015, qualifiche: pole per Tom Sykes, quarto posto per Max Biaggi

Sykes-Superbike-Fabio-Bosi.jpg

La superpole ha emesso la sua sentenza ed è Tom Sykes ad essere il più veloce di tutti sul tracciato di Sepang, quartultimo round del Mondiale di Superbike 2015. L’alfiere di casa Kawasaki con il crono di 2:03.240, facendo la differenza soprattutto nei primi due settori della pista, si è preso la casella 1 infliggendo un distacco di +0.270 all’Aprila di Jordi Torres e +0.596 ad un ritrovato Sylvain Guintoli, campione del mondo uscente. Distacchi importanti, dettati anche dalle condizioni della pista e dell’atmosfera estremamente calde che hanno reso non semplice il lavoro ai piloti, specie nello sfruttamento degli pneumatici sul giro secco.

Per quanto concerne Max Biaggi, il romano è stato autore di un ottimo quarto tempo in 2:03.948, incantando tutti nel suo t4. Il leader della classifica iridata Jonathan Rea, invece, non è stato esente da responsabilità nel suo settimo tempo a quasi 1 secondo dal compagno di squadra. C’è da attendersi, tuttavia, in gara una reazione di Rea che, sul passo nella FP3, è apparso decisamente veloce. In chiave Ducati, non benissimo Chaz Davies , in sesta posizione a +0.939 da Sykes e con un feeling sulla moto decisamente diverso dal weekend di Laguna Seca. Ricordiamo che il team di Borgo Panigale si è presentato, con il team ufficiale, solo con un pilota visto l’infortunio di Davide Giugliano, come precisato in questo articolo.

Per chiosare, in ottica italiana, nono e decimo tempo per Niccolò Canepa e Matteo Baiocco mentre Ayrton Badovini è stato protagonista di una brutta caduta nel corso delle prove libere in uscita dai Box con Matteo Baiocco. Dopo i primi controlli, Badovini è stato dichiarato unfit e, per questo motivo, il round malese per lui si è concluso anzitempo.

ORDINE DEI TEMPI:

SBK MALESIA

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Immagine: fonte Fabio Bosi

Twitter: @Giandomatrix

Lascia un commento

Top